Enti pubblici a confronto

La Pubblica amministrazione italiana viene spesso paragonata, perdendo il confronto, a quella estera o al mondo produttivo privato. «Probabilmente è un po’ più lenta, complessa, costosa e meno organizzata rispetto ad altre realtà europee, anche dal pun …

La Pubblica amministrazione italiana viene spesso paragonata, perdendo il confronto, a quella estera o al mondo produttivo privato. «Probabilmente è un po' più lenta, complessa, costosa e meno organizzata rispetto ad altre realtà europee, anche dal punto di vista informatico - commenta Andrea Marchi della Provincia di Belluno -. Nei paesi di lingua tedesca, ad esempio, lavorare nella Pa è un pregio, mentre in Italia si è visti come dei semplici amministrativi. A livello industriale, poi, molto dipende dalla criticità dell'It per l'attività specifica, perché in caso di errori, le conseguenze potrebbero essere imperdonabili. Negli uffici pubblici, invece, le ricadute operative sono meno gravi, per il fatto stesso che non si produce reddito, ma servizio. Bisognerebbe imparare a correggere quello che è sbagliato, perché i risultati positivi sono sempre frutto di un'evoluzione, del riconoscimento di errori passati». Per migliorare la situazione occorre, quindi, un confronto. «Valutare le soluzioni e i progetti di altri enti dovrebbe rappresentare una metodologia di lavoro - prosegue Marchi -. A livello di province del Veneto, ad esempio, esiste un tavolo di coordinamento dei responsabili It, che si incontrano periodicamente. Pure le conoscenze al di fuori della Pa aiutano».

Anche per Francesco Novara, della Provincia Regionale di Agrigento, l'informatizzazione negli enti pubblici dovrebbe migliorare. «Non c'è uniformità - dice -. A fronte di isole felici, come la nostra, esistono aree in cui l'It è sotto utilizzata e non ha riflessi sul rapporto con i cittadini e le imprese. Il raffronto stesso tra esperienze diverse è, spesso, lasciato all'iniziativa dei singoli, anche se non ci è mai mancato l'appoggio e l'incoraggiamento degli organi politici».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here