EMC World: l’integrazione tra Dell ed EMC nel segno di Dell Technologies

L’attesa era tanta. Il keynote di apertura dell’edizione Emc World 2016 era visto come il momento della svolta. Come il momento nel quale l’acquisizione da parte di Dell annunciata lo scorso mese di ottobre avrebbe assunto una connotazione più concreta e realistica.
E così in effetti è stato.
È Joe Tucci, presidente e Ceo di EMC che apre i lavori, e fin dalle prime battute si capisce che siamo a un punto di svolta.
Ripercorre quindici anni di storia, con una galleria di immagini che raccontano dei tanti EMC World dal 2001 a oggi.
Le cose cambiano – esordisce – e ci sono ancora molte cose da fare perché questa fusione con Dell arrivi a compimento. Vogliamo farvi vedere cosa possiamo fare insieme”.
Ma sarete voi – si rivolge alla platea dei partner e dei clienti – a decretarne il successo”.
Al “suo” pubblico Joe Tucci spiega “perché con Dell e perché ora”, raccontando di un mercato che cambia, di una industrial revolution che incalza, della necessità di un cambiamento radicale, e molto veloce, per rispondere all’evoluzione in corso. “E in Dell abbiamo trovato il differenziale che ci serviva”.
È il momento del congedo, ed è una standing ovation quella che saluta Joe Tucci, mentre lascia il posto sul palco a Michael Dell.

La parola a Michael Dell

Dal canto suo, Michael Dell riparte dallo scenario di mercato e da un futuro “definito dalla tecnologia”, un futuro di “infinite possibilità” nel quale Dell e EMC insieme saranno in grado di unire e sviluppare le tecnologie chiave.
Siamo leader nel mercato dei server, dello storage, della pc virtualization. Ci muoviamo in un mondo di software defined everything, di hyper cloud, big data, mobility security. Insieme siamo leader in 21 quadranti magici di Gartner”, spiega.

Il nuovo nome della Federation

Gli elementi chiave ci sono tutti: si chiamano Dell, EMC, Vmware, SecureWorks, Pivotal, RSA, VCE.
E tutti entreranno sotto un unico cappello Dell Technologies.
Semplice.

Dell EMC per il mercato enterprise

Altrettanto semplice è anche la ridefinizione dei sub-brand, che parte da una chiara ripartizione del mercato: laddove Dell ben presidia il mercato delle piccole e medie imprese, EMC ha sempre coperto il fronte Enterprise.
Ecco dunque che Dell resta il marchio per le soluzioni client per i mercati consumer e business e istituzionali, Dell EMC sarà invece il nuovo brand name per tutte le soluzioni destinate al mondo enterprise.

Si avvicina il delisting per EMC

Tutto questo, sottolinea Michael Dell sia durante la sessione plenaria, sia durante la sessione di domande e risposte con analisti e stampa, “verrà gestito in una logica di azienda privata”.
Ecco dunque che per arrivare all’unificazione delle due imprese, due saranno i passaggi fondamentali: “Trasformare EMC in una azienda privata e successivamente integrarla in Dell”.
Secondo Michael Dell, le prospettive di una positiva unione tra le due realtà sono elevate, perché “le nostre culture di azienda sono simili”.
Abbiamo condotto una indagine su 75.000 dipendenti di Dell e di EMC e ci siamo resi conto che nella lista delle priorità, i primi cinque punti coincidono. Soprattutto, per tutti, il primo punto nella scala delle priorità è il customer focus. Entrambi siamo partner strategici dei nostri clienti”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome