Ecco come eSoft “ci mette una pezza”

La piattaforma di Secure Content Management si propone come offerta complementare al firewall/Vpn tradizionale e viene distribuita in Italia da Alias.

21 aprile 2004 Per sperare di costruirsi un certo mercato in
Italia, recente terra di conquista di qualsiasi vendor che si occupi di
sicurezza, l'americana eSoft, da Broomfiled, Colorado, gioca sulle manifeste
vulnerabilità dei firewall/Vpn presenti in commercio.

Jim Hietala, responsabile vendite Emea, illustra quella di eSoft come un'offerta di Secure Content Management che non vuol dire appliance firewall/Vpn, almeno non solo. "Anche se abbiamo a catalogo una famiglia di appliance firewall/Vpn - dichiara il manager -, intendiamo porci come fornitore di soluzioni complementari ai firewall, attraverso la piattaforma hardware InstaGate Secure Content Management e la completa famiglia di applicativi SoftPacks".

La piattaforma di Scm aggiunge un livello ulteriore di
protezione alla rete aziendale rispetto ai firewall tradizionali, si compone di
un'appliance haardware e di un pacchetto di software upgradabili da aggiungere
al firewall stesso, indipendentemente dal tipo e in modo trasparente rispetto
alla configurazione della rete. L'accostamento al firewall può avvenire secondo
diverse modalità: prima che i dati lo raggiungano, dopo o può lavorare
parallelamente, a seconda delle esigenze del cliente e della
"creatività"
del rivenditore.

Le appliance Scm sono due, InstaGate Scm 200 e Scm 300, in pratica dei piccoli Pc con processore Intel, Ram, disco e sistema operativo Red Hat ma è possibile anche installare il contenuto del Cd, sistema operativo e applicativi, su un Pc qualsiasi dotato delle necessarie interfacce di rete.

Ma il vero valore della soluzione di eSoft ci sembra risieda nel pacchetto SoftPack che comprende un mailserver, il filtro delle url, un antispam, un antivirus a livello gateway e desktop, il tutto upgradabile periodicamente in modo automatico. Di tutti i tool, ammette Hietala: "L'antivirus è di Sophos, il filtering dei siti web è di Secure Computing e lo scanning delle vulnerabilità di Qualis, tutto il resto è di nostra produzione".
E sembra essere di buona fattura, secondo Stefano Cucit, responsabile del business developement di Alias, unico distributore di eSoft in Italia. "Abbiamo scelto eSoft proprio per l'antispam - dichiara il manager -, veramente valido e semplicissimo da installare, anche l'antivirus su gateway è risultata una buona soluzione da offrire ai nostri rivenditori. Per ora distribuiamo solo l'offerta di Scm e non le appliance firewall/Vpn". Alias, in particolare, distribuisce già le appliance SonicWall e Servgate e utilizza l'offerta di eSoft a complemento risolvendo il problema dello spamming, attualmente molto sentito dalle piccole e medie imprese, il target di riferimento di eSoft. "L'avvento del broadband, più che l'imposizione del nuovo codice della privacy - dichiara Cucit -, è stato un forte incentivo all'acquisto di software e appliance di sicurezza, anche se, prima di investire, il cliente deve provare cosa significa ricevere un virus in azienda o essere bombardato dallo spamming".
Il
distributore friulano ha organizzato attività di promozione diretta e un evento
per presentare eSoft ai propri rivenditori, successivamente sono previste
attività di formazione specifica.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here