Ebridge si espande verso il midmarket

Ebridge focalizza sempre più la sua attività nel B2B, siglando un accordo strategico con Million Handshakes, per penetrare sul mercato delle medie imprese in maniera decisamente competitiva ed offrendo un potenziamento di tutti i processi …

Ebridge focalizza sempre più la sua attività nel B2B,
siglando un accordo strategico con Million Handshakes,
per penetrare sul mercato delle medie imprese in
maniera decisamente competitiva ed offrendo un
potenziamento di tutti i processi di business
orientati al cliente.Analizzando, attraverso uno
studio di Gartner Group, i molti insuccessi che hanno
caratterizzato progetti del genere (si parla
dell'intero settore, ovviamente) nel recente passato,
il management di Ebridge è giunto alla conclusione per
cui il problema consisteva nell'impotenza a risolvere
le esigenze del committente, secondo le sue
prospettive. La partnership strategica con MH dovrebbe
dare una forte spinta ad una nuova visione di come
incentrare i progetti secondo le reali necessità del
cliente e non secondo standard, che, pur sofisticati,
non possono essere ideali per tutti. Ogni progetto di
questo genere, secondo il nuovo approccio, parte con
un seminario rivolto al management dell'azienda
cliente, durante il quale si identificano esigenze,
comportamenti e punti deboli in relazione
all'efficienza delle metodologie di comunicazione,
siano call centers, siti web o Wap.
In questa prospettiva si inserisce l'accordo di
distribuzione delle soluzioni offerte da webMethods,
una collaborazione che comunque dura, in altre forme,
da tempo.L'architettura di wM si basa
sull'integrazione tra aziende, attraverso sistemi
flessibili e di facile implementazione che permettano
una totale automazione nello scambio di dati tra reti
di differente concezione. Come afferma Matteo Moroni,
product manager: "La nuova sfida è la comunicazione
tra organizzazioni. Questo significa automatizzare i
processi di scambio di dati, ma, soprattutto
connettere applicazioni appartenenti a sistemi
informativi diversi tra loro". Una sfida impegnativa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here