E’ solo per gli under 35 la nuova società semplificata

Il Decreto liberalizzazioni introduce la possibilità di avviare una srl versando solo 1 euro come capitale sociale e senza dover far ricorso al notaio. Nasce anche il Tribunale delle imprese per risolvere le controversie tra soci.

Secondo Mario Monti, saranno i giovani quelli
che trarranno i maggiori vantaggi dal Decreto liberalizzazioni approvato lo scorso
venerdì. In questo senso, una novità importante che introduce il Decreto è la società semplificata a responsabilità limitata,
un nuovo tipo di società pensata proprio per favorire chi ha meno di 35 anni e intende avviare
un’attività imprenditoriale.

Per rendere più breve possibile l’iter, la
nuova società potrà essere costituita (anche da un’unica persona) senza la
necessità di rivolgersi a un notaio: basterà darne comunicazione unica per via
telematica al Registro delle Imprese e si avrà l’esenzione
dall’applicazione dei diritti di bollo e di segreteria. Inoltre, non servirà un capitale sociale minimo (si pagherà la cifra simbolica
di 1 euro) e la nuova srl avrà la possibilità di redigere un bilancio
semplificato.

In pratica,
l’unico vero limite per la creazione della nuova società semplificata è l’età:
le persone fisiche che intendono costituirla non devono superare i 35 anni,
pena l’esclusione di diritto.

Tra le altre novità introdotte dal
Decreto liberalizzazioni citiamo anche la nascita del Tribunale delle imprese. Le nuove sezioni specializzate
sostituiranno le 13 sezioni specializzate in materia di proprietà industriale e
intellettuale, aggiungendo ai propri compiti anche le controversie inerenti le
cause tra i soci di una società in accomandita per azioni o di una Spa e le
liti per il trasferimento delle partecipazioni sociali e i relativi diritti.

Un altro punto rilevante per le
imprese del Decreto liberalizzazioni riguarda i i debiti della Pubblica amministrazione, al 31 dicembre 2011. Questi potranno
essere pagati su richiesta dei soggetti creditori anche mediante assegnazione
di titoli di Stato.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here