e.Biscom, un futuro nell’intera filiera delle Tlc

Dalla rete al servizio, fino all’offerta di contenuti. Questi i piani di sviluppo della societa, pronta a cablare il territorio nazionale e a varare due nuove societa, B2Biscom e Videoportal.

E' un progetto che copre l'intera filiera di business delle Tlc,
dalla rete al servizio, fino ai contenuti, quello presentato da
Silvio Scaglia (l'ex amministratore delegato Omnitel) e soci per lo
sviluppo di e.Biscom, la società creata dal manager dieci mesi fa e
già operativa attraverso le controllate FastWeb e MetroWeb.
In questo primo periodo di attività, grazie alla joint venture con la
municipalizzata milanese Aem, è stato avviato il cablaggio in fibra
di Milano, con la sperimentazione di un innovativo servizio di
connessione Ip a 10 Mbps su fibra ottica (con tariffa a canone
mensile), per l'accesso a Internet, la telefonia e i nuovi servizi
che nasceranno, dalla visione di film alla videocomunicazione.
Ora che e.Biscom è quotata in borsa e FastWeb è partita con la
commercializzazione del servizio, sia alle aziende che ai privati,
raccogliendo in poco tempo 480 clienti e 4,5 milioni di euro di
fatturato, Scaglia ha tolto il velo sui nuovi e ambiziosi progetti
che l'azienda ha messo in cantiere.
In primo luogo, il piano di cablaggio di Milano si è trasformato in
un piano nazionale, dando priorità, a livello strategico, alle città
rispetto alle dorsali nazionali che le interconnettono: nel nuovo
business plan sono stati stanziati 11 mila miliardi di lire in 10
anni per posare la fibra in 500 città.
Le altre importanti novità riguardano la costituzione di due società.
La prima è B2Biscom, un marketplace business to business che ha preso
il via lo scorso aprile e che comprenderà aree verticali e
orizzontali. In realtà, B2Biscom vuole essere qualcosa di più, ovvero
un fornitore di servizi di consulenza e progetti di system
integration, e un Asp, attraverso una rete di partnership. Sono già
in essere alleanze con tre banche lombarde, per offrire servizi alle
pmi, con Ipsoa, per il workgroup, e con It Factory per l'automazione
della forza vendita, queste ultime due in ottica Asp. Inoltre, con
Ecosquare verrà creato un marketplace per il waste management e con
Fai (Federazione autotrasportatori italiani, ovvero 50mila
padroncini) per un secondo marketplace verticale. La piattaforma
tecnologica scelta è Ariba.
L'ultima iniziativa, solo in termini temporali, è Videoportal,
società che nascerà in autunno con l'obiettivo di diventare il
principale editore nel settore multimediale a banda larga. Fra i
contenuti di Videoportal figurano news, video on demand e canali
tematici, come i giochi. In questo contesto si inserisce la creazione
di una joint-venture con la Rai (60% Rai e 40% e.Biscom), per
l'accesso illimitato all'archivio e alla programmazione corrente
dell'emittente nazionale. Il lancio dei nuovi servizi congiunti è
previsto a dicembre.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here