Home Digitale D-Link, garantire la connettività è la migliore risposta anti crisi

D-Link, garantire la connettività è la migliore risposta anti crisi

L’emergenza sanitaria di inizio 2020 non ha rallentato la crescita di D-Link, la cui offerta di dispositivi per connettività mobile e fissa ha fatto registrare importanti tassi di crescita. A rallentare le vendite è stata solo prolungata rottura di stock causata dalla difficoltà di ricevere forniture dalla Cina, ancora alle prese con l’emergenza coronavirus.

Stefano Nordio, Vice Presidente di D-Link Europe, ha sottolineato come la necessità di una diffusa connettività non sia più riservata solo alle grandi aziende.

Infatti, famiglie e Pmi sono state costrette ad abbandonare la propria comfort zone culturale, confrontandosi con l’urgenza di dotarsi di adeguati sistemi di networking. Poter lavorare in smart working e abilitare dipendenti e famiglie a lavoro agile ed e-learning ha avuto effetti notevoli sul mercato del networking.

Nei clienti, ricorda Nordio, non mancano consapevolezza e spesso neppure i capitali da investire. Il principale ostacolo è l’incertezza sugli sviluppi futuri, con decreti e norme che si avvicendano con grande frequenza e la situazione sanitaria che non offre orizzonti certi.

Significativa anche l’impossibilità di offrire formazione in presenza, limitando anche l’acquisizione di skill adeguate. Un fattore che non incentiva certo ad investire in nuove tecnologie.

Stefano Nordio D-Link
Stefano Nordio, Vice Presidente di D-Link Europe

Nonostante tutte le difficoltà del caso, non sono certo pochi i settori in cui lo smart working sta migliorando la produttività e rendendo la nuova normalità molto apprezzata.

D-Link ha dimostrato grandi capacità di reazione alla straordinarietà degli eventi. Le imprese liquide sono al centro delle strategie della società, che ha lanciato numerose soluzioni abilitanti per il lavoro agile in largo anticipo. Trovandosi, in questo modo, in posizione di vantaggio nel fornire al mercato una gamma di proposte solida e adeguata alle nuove necessità.

Poter contare su un partner di provata esperienza e con un grande know-how tecnologico è sempre essenziale, e ancor di più in un periodo emergenziale. Un esempio sono le telecamere termiche: da tempo D-Link le propone sul mercato, ed è stata più che pronta a supportare i propri clienti quando questi strumenti si sono resi indispensabili per la business continuity.

Cloud e 5G sono e saranno due dei principali driver di crescita per il mercato D-Link; in particolare la gamma Nuclias sta riscontrando ampio gradimento in virtù della sua flessibilità e capacità prestazionali.

La soluzione cloud Nuclias di D-Link consente a qualsiasi azienda, a prescindere dal livello di risorse IT, di allestire, configurare, monitorare, sottoporre a manutenzione e gestire l’implementazione della rete in remoto, attraverso un browser web, oppure con l’app iPad dedicata a Nuclias.

La gestione tramite cloud permette alle organizzazioni un importante taglio ai costi di installazione e gestione continuativa. Per Stefano Nordio con Nuclias la configurazione delle reti e gli aggiornamenti dei software vengono inviati tramite cloud ai nostri dispositivi remoti di classe aziendale e ad alte prestazioni, tutto senza alcun bisogno di apparecchiature specializzate o di personale tecnico in loco.

Facile comprendere quanto siano ampie le possibilità offerte da queste tecnologie che – in Italia – hanno ancora grandi margini di crescita commerciale.

Secondo il manager italiano, fare previsioni per il 2021 è molto complesso; difficile ipotizzare in che direzione si orienterà un mercato in larga parte dominato dalla incertezza. Sono troppi i fattori in campo, dallo sviluppo della pandemia al succedersi di norme non di rado fra loro contraddittorie.

La società taiwanese è perfettamente consapevole e calata nella realtà, sottolinea con decisione Nordio. Sarebbe un errore imperdonabile non fare tesoro della pur drammatica esperienza fatta nel corso del 2020. Uscirne migliori dal punto di vista produttivo e tecnologico è il giusto ringraziamento nei confronti di chi si è sacrificato per garantire un futuro a tutti quanti.

Ed è questo, continua il manager, il momento in cui D-Link si dimostra forte e coraggiosa. L’esperienza pluridecennale accumulata dalla società verrà tutta messa a disposizione della voglia di rilancio, forti anche della consapevolezza che quantomeno il primo semestre del 2021 sarà complesso non meno di quanto si stia rivelando l’anno in corso.

D-Link continuerà a sviluppare le proprie soluzioni in ambito networking 5G, cloud-based e termocamere, tenendo ben presente che la reattività e il coraggio nelle decisioni faranno la differenza nel futuro prossimo. Doti manageriali che, in Stefano Nordio, sono sicuramente presenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php