Home Prodotti Sicurezza Cybersecurity, siamo all'anno zero della compliance

Cybersecurity, siamo all’anno zero della compliance

Occuparsi di cybersecurity significa attendersi anche quello che non potrebbe accadere. Come dicono gli americani, “Expect the unexpected”.

Oggi si parla sempre più di cybersecurity proprio perché rispetto a qualche anno fa, la sicurezza aziendale si trova oggi ad affrontare una serie di sfide inedite e imprevedibili sul piano della varietà e del numero degli attacchi perpetrati dal cybercrimine.

Accade che le aziende si stanno rendendo conto che i tradizionali approcci alla cybersecurity non sono più efficaci. E la corsa alla digitalizzazione delle imprese, degli Stati e dei consumatori non fa altro che elevare il rischio rimuovendo del tutto ogni forma di sicurezza perimetrale.

Per approfondire il tema cybersecurity,con le previsioni di IDC,

scarica e leggi il nostro speciale

Nessuno qualche anno fa avrebbe immaginato che un giorno si sarebbe parlato di hacking alle presidenziali americane. Così come nessuno avrebbe immaginato un ransomware in grado di bloccare l’operatività quotidiana di ospedali ed enti pubblici in tutto il mondo. Eppure queste cose sono accadute.

IDC prevede che nel 2021 il 25% dei dati personali degli individui di tutto il mondo non solo risulterà compromesso, ma sarà raccolto in data lake analizzati e utilizzati da gruppi organizzati di cyberattaccanti.

Se, quindi, per anni si è parlato di coopetition tra i principali attori dell’industria della sicurezza IT per contrastare i criminali informatici, IDC ritiene molto probabile che tale forma di collaborazione verrà mutuata proprio dal cybercrimine.

Oggi non è possibile immaginare come evolveranno i ransomware: sappiamo solamente che evolveranno. Già si intravedono, infatti, i primi attacchi che sfruttano l’IoT, la robotica, per non parlare dell’intelligenza artificiale.

Per fronteggiare l’inaspettato, occorrerà creare un ecosistema di sicurezza basato su nuove normative (IDC per esempio si aspetta che il GDPR trainerà una porzione consistente della spesa aziendale in sicurezza IT nei prossimi due anni), nuove tecnologie (per esempio il machine learning) e nuovi skill (soprattutto sul fronte analitico).

Per approfondire l’andamento del mercato e i nuovi trend, conoscere a fondo le implicazioni della GDPR, capire come contrastare le minacce di nuova generazione, acquisire nuove competenze strategiche, il 10 maggio Idc organizza a Milano, all’Hotel Melià, la IDC Security Conference 2018, con il titolo “Secured by regulation: l’anno zero della compliance”

CI SI ISCRIVE QUI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php