Home Digitale Customer experience, cosa promette Google ai retailer

Customer experience, cosa promette Google ai retailer

Ci sono più di un miliardo di sessioni di shopping su Google ogni giorno, ha sottolineato la società di Mountain View in occasione del Google Marketing Livestream 2021, un keynote virtuale in cui l’azienda ha annunciato nuovi prodotti e condiviso le ultime tendenze e le best practice.

Più consumatori fanno acquisti online che mai, e gli utenti stanno incontrando una nuova generazione di rivenditori digital-first, ognuno con i propri prodotti unici, storie e valori da condividere.

In un contesto di questo tipo, Google è al lavoro su più modi per facilitare la connessione tra retailer e consumatori, in modo che i rivenditori possano costruire relazioni dirette e durature con i loro clienti.

All’ultimo Google I/O la società di Mountain View ha annunciato una nuova integrazione Shopify e ora ha preannunciato che i retailer su WooCommerce, GoDaddy e Square saranno presto in grado di integrarsi con Google facilmente e gratuitamente.

Questo approccio di un ecosistema aperto fa sì che i retailer abbiano ancora più modi per farsi conoscere su Google, e gli acquirenti avranno ancora più scelta.

Con l’accelerazione di questo passaggio generazionale all’e-commerce, secondo Google avere una presenza digitale è solo il minimo indispensabile: ora è imperativo per ogni retailer distinguersi e parlare direttamente ai suoi clienti.

Google

È per questo che in occasione del Google Marketing Livestream l’azienda ha introdotto nuovi strumenti che aiuteranno i retailer a raccontare il proprio brand, dalla discovery al checkout.

Presto, i retailer online avranno la possibilità di curare il modo in cui il proprio brand appare su Google attraverso video, immagini lifestyle e formati di storie interattivi, in modo gratuito, compresi nuovi attributi sull’identità della marca.

Google sta anche cercando modi di usare il digitale per offrire un tipo di esperienze più “hands-on”, di quelle che ispirano i consumatori nella vita reale. Per questo l’azienda ha lanciato alla fine dello scorso anno un’esperienza di prova del kit di trucco in realtà aumentata, per il rossetto e l’ombretto, e presto i consumatori saranno in grado di trovare il fondotinta perfettamente abbinato, da marche come L’Oreal ed Estee Lauder.

Google

I consumatori vogliono anche visualizzare come i vestiti stanno addosso. Per questo Google sta rilasciando una nuova esperienza in realtà aumentata per mostrare agli acquirenti come appaiono diversi capi d’abbigliamento su di loro.

Una volta che il retailer ha attirato l’attenzione di un nuovo cliente evidenziando i vantaggi che offre, ha l’opportunità di trasformarlo in un cliente fedele. Google sta testando un’integrazione del merchant loyalty program che permette ai clienti di vedere i prezzi e benefit speciali del programma di fedeltà, come ad esempio la spedizione gratuita, quando iniziano a fare acquisti su Google.

Google

Se un consumatore ha un conto fedeltà con un merchant, sarà in grado di accedervi immediatamente. Se invece non ce l’ha, sarà in grado di unirsi facilmente al programma fedeltà con un clic su un apposito pulsante che consente di creare un account.

Il potere del branding non è mai stato così importante, ma è anche noto che a volte i consumatori semplicemente cercano un buon affare. Le ricerche di sconti, ha reso noto Google, sono aumentate del 50% dall’anno scorso, e rappresentano momenti importanti per i retailer di incrementare le vendite.

Google a questo proposito ha annunciato che entro l’anno renderà più facile per gli acquirenti scoprire le promozioni di una marca, giusto in tempo per lo shopping della stagione di sconti. Google lancerà una pagina dei risultati delle offerte nella Ricerca e nella scheda Shopping. Nel Merchant Center arriveranno anche nuovi report in tempo reale sull’ottimizzazione delle offerte.

Sono in arrivo anche nuovi modi, per i merchant, di mostrare ai consumatori tutte le opzioni di acquisto offerte, online, in negozio e su Google. Gli annunci possono ora mostrare i prodotti disponibili per il ritiro immediato in negozio e per altre modalità di ritiro.

Google

Le label per il ritiro e lo shopping in negozio si stanno ora estendendo agli annunci locali di YouTube e Maps, per aiutare le imprese a raggiungere ancora più acquirenti nelle vicinanze, in più punti.

Google sta inoltre sviluppando una nuova esperienza che aiuterà a mostrare ai propri clienti tutti i modi in cui possono acquistare prodotti. Quando un cliente scopre i prodotti di un brand su Google, vedrà un riassunto di tutte le opzioni di acquisto offerte, in un unico posto.

Che si tratti del sito di ecommerce, del negozio fisico nelle vicinanze o del flusso di checkout nativo di Google, questo nuovo formato renderà lo shopping più facile per i clienti, e aiuterà a mostrare in modo ordinato le offerte omnicanale della marca.

Google

Prossimamente, i merchant avranno la possibilità di abilitare Shop Pay come opzione di acquisto, dando ai loro clienti più opzioni per una facile esperienza di checkout.

Google sta attualmente testando questa nuova esperienza d’acquisto su Search e sulla scheda Shopping, e prevede di portarla su YouTube e Immagini nel corso dell’anno.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php