Home Prodotti Mobile Contenuti su mobile: è l'ora di AMP Project

Contenuti su mobile: è l’ora di AMP Project

La questione, con tutta probabilità, non è capire chi c’è, ma chi ci sarà.
Perché nel primo gruppo di editori che hanno scelto di aderire al progetto Amp lanciato ufficialmente ieri da Google c’è anche un italiano: La Stampa.
Il resto è tutto da costruire.
L’idea è interessante e per capire meglio di cosa si tratta consigliamo la lettura delle FAQ pubblicate da Google sulla pagina web dedicata ad AMP Project.

Amp è un acronimo per Accelerated Mobile Pages e il progetto Amp è di fatto un’iniziativa che consente di accelerare i tempi di visualizzazione delle pagine web su dispositivi mobile.
L’obiettivo dichiarato è chiaro: ridurre la frustrazione dell’utente mettendo a punto un nuovo formato basato sugli standard esistenti.
Si tratta di un progetto open source, tengono a precisare subito in Google, nato dal confronto tra editori, produttori di contenuti e tecnici, tutti d’accordo sulla necessità di migliorare l’intero ecosistema mobile a vantaggio di tutti gli attori della filiera.
Se questo è il “cosa”, il “come” è trovando un modo per ottimizzare le pagine web perché si carichino istantaneamente.
“Istantaneamente” è la parola chiave e Google sottolinea come la velocità sia cruciale per ridurre i tassi di bounce rate tra gli utenti. Non solo: per chi produce contenuti, il nuovo formato rappresenterebbe l’opportunità di meglio condividere e distribuire attraverso tutte le piattaforme il loro lavoro.

Tecnicamente, le pagine AMP sono pagine Html più leggere, nelle quali sono consentite solo un numero limitato di funzionalità tecniche, definite e governate dalla specifica stessa. Sono pagine che si aprono in qualunque browser o App e i file AMP possono restare in cache in cloud, così da ridurre ulteriormente il tempo di caricamento del contenuto sul dispositivo dell’utente.
Questo significa che i publisher mantengono il controllo sul contenuto, ma le piattaforme di delivery possono effettuare caching o mirroring per ottimizzare il rilascio dei contenuti stessi.
I due assi lungo i quali dunque si muove AMP sono da un lato la riduzione delle funzionalità tecniche e un sistema di distribuzione basato sul caching.
L’obiettivo ora è che, oltre agli editori coinvolti in questa prima fase di sviluppo, i provider di CMS (Content Management System) integrino il supporto per le pagine AMP HTML. Cosa che WordPress ha già garantito di fare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php