Confindustria Digitale contro l’equo compenso

Dopo il ricorso di Altroconsumo al TAR del Lazio contro il Decreto Franceschini, anche Confindustria Digitale annuncia un’azione analoga.

È scontro sull'equo compenso. Dopo la decisione di Altroconsumo, che nei giorni scorsi ha presentato un ricorso presso il TAR del Lazio contro il Decreto Franceschini, anche Confindustria Digitale annuncia un'azione analoga.

"Siamo
pronti a fare ricorso. L'aumento del compenso per copia privata
annunciato dal ministro Franceschini è ingiustificato e non tiene conto
dell'evoluzione delle tecnologie e delle mutate abitudini di utilizzo da
parte dei consumatori
", ha dichiarato Elio Catania, presidente di
Confindustria Digitale (federazione di rappresentanza industriale, nata
con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia digitale, a
beneficio della concorrenza e dell’innovazione del Paese).

Sempre secondo Confindustria Digitale, l'aumento del gettito della SIAE
- di ben due volte e mezza rispetto allo scorso anno -, da 63 milioni
di euro ai 157 stimati sarebbe inaccettabile dal momento che i balzelli, divenuti - col Decreto Franceschini - più onerosi rispetto al passato, graverebbero unicamente sui consumatori.

"Riteniamo
che l’aumento dell’equo compenso per copia privata annunciato dal
ministro Franceschini la settimana scorsa non solo sia una misura del
tutto ingiustificata rispetto agli attuali trend tecnologici e di
consumo, ma anche un segnale in contrasto con l’esigenza, riconosciuta
prioritaria dallo stesso Governo Renzi, di favorire l’innovazione
digitale nel Paese
", ha proseguito Catania.

I rincari, che produttori e distributori riverseranno sul prezzo finale di qualsiasi prodotto tecnologico atto alla memorizzazione di dati, sono talmente elevati da porre l'Italia quasi in "pole position"
a livello europeo, seconda solo alla Francia. Anzi, il nostro Paese -
in tema di gravosità dell'equo compenso - potrebbe anche presto superare
i cugini d'Oltralpe.
L'avvocato Guido Scorza ha infatti appena ricordato che "il
Consiglio di Stato francese ha annullato il provvedimento di
determinazione delle tariffe dell’equo compenso per copia privata. I
giudici amministrativi parigini hanno dichiarato illegittime le regole
alle quali il ministro Franceschini ha appena scelto di ispirarsi
". Continua Scorza: "tra
i dati pubblicati da Confindustria digitale, ce n’è un altro che lascia
letteralmente senza parole: nel 2014, il gettito da equo compenso che
si raccoglierà in Italia sarà pari al 25% di quello raccolto in tutta
Europa. Magari l’economia italiana rappresentasse il 25% di quella
europea
".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome