Condividere gli obiettivi anche con i fornitori

Un buon Cio deve essere un comunicatore, capace di fare gioco di squadra. «Deve saper cambiare, guardare agli obiettivi dell’azienda e allo stesso tempo fare attenzione alle sue persone – ha osservato Mauro Solimene, country manager e amministratore de …

Un buon Cio deve essere un comunicatore, capace di fare gioco di squadra. «Deve saper cambiare, guardare agli obiettivi dell'azienda e allo stesso tempo fare attenzione alle sue persone - ha osservato Mauro Solimene, country manager e amministratore delegato Ca Italia, a commento dell'incontro organizzato da Lineaedp sul profilo del Cio di nuova generazione -. Adottando questo approccio, il lavoro, l'impresa, le persone funzionano bene. I momenti più produttivi nel contatto con i vari clienti, anche per noi fornitori, sono sempre stati quelli in cui ci siamo sentiti integrati nel progetto, quando siamo entrati veramente nel team, condividendo con la società gli stessi obiettivi».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome