Home Software Sistemi operativi Come passare da Windows a Chrome OS con Parallels Desktop

Come passare da Windows a Chrome OS con Parallels Desktop

Parallels, società specializzata in soluzioni di virtualizzazione multipiattaforma, ha annunciato che Parallels Desktop per Chrome OS  – precedentemente noto come Parallels Desktop per Chromebook Enterprise – ora supporta sia i processori Amd che Intel, oltre a dodici nuovi dispositivi Chromebook e Chromebox di Acer, Asus, Dell, HP e Lenovo.

Le aziende e le organizzazioni del settore dell’istruzione, ha messo in evidenza Parallels, possono ora disporre di 21 opzioni di dispositivi Chrome Enterprise supportati che possono eseguire applicazioni Windows complete in Parallels Desktop, sia online che offline.

Chrome OS Windows Parallels

I dipendenti, il personale e gli studenti che in questo periodo si trovano a lavorare e studiare ovunque, anche in remoto, possono eseguire senza problemi le app Windows di Zoom, Cisco Webex e GoToMeeting in Parallels Desktop per usufruire dell’esperienza completa di videoconferenza sui loro dispositivi Chrome OS.

Ciò è reso possibile dal fatto che gli ultimi update di Parallels Desktop e la nuova funzionalità di reindirizzamento del microfono permettono agli utenti dei dispositivi Chrome OS Enterprise di eseguire le versioni desktop di Windows delle applicazioni di videoconferenza, in modo da poter sfruttare anche le caratteristiche chiave che non sono disponibili nelle app web.

Per quanto riguarda Zoom, le funzioni Whiteboard, annotazioni, chat avanzata e controllo remoto sono disponibili solo nell’applicazione desktop di Windows. Anche per Cisco Webex la Whiteboard, oltre alla crittografia end-to-end e alle funzioni di controllo remoto sono disponibili solo nell’app desktop per Windows. In GoToMeeting, gli strumenti di disegno, la lavagna e il pannello di controllo sempre attivo sono disponibili solo nell’app per desktop di Windows.

Anche il supporto USB è stato aggiunto a Parallels Desktop per Chrome OS, per consentire ai dispositivi USB più popolari e utilizzati, tra cui le smart card e le unità flash, di funzionare nelle macchine virtuali Windows.

In più, il software di virtualizzazione ora supporta numerosi dispositivi in più, tra cui prodotti basati sui processori Amd Ryzen 5 e Ryzen 7.

Di Parallels Desktop per Chrome OS è disponibile una versione di prova gratuita scaricabile dal sito di Parallels.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php