Home Digitale Come estendere la G Suite di Google con gli Apps Script

Come estendere la G Suite di Google con gli Apps Script

Apps Script rappresenta un ottimo modo per creare rapidamente automazioni e utility che abbiano lo scopo di accelerare i processi o eliminare attività ripetitive all’interno della G Suite di Google, ma si può fare un passo ulteriore, suggerisce Google: perché non condividere il progetto come add-on di G Suite?

Oltre a sviluppare strumenti di questo tipo, è utile anche condividerli con i colleghi della propria organizzazione e la condivisione del foglio di calcolo o del documento associato al progetto di script è semplice e intuitiva, e abilita in G Suite una collaborazione senza attriti.

Tuttavia, con solo pochi passaggi aggiuntivi, sottolinea Big G, è possibile consentire ad altri di trovare la propria app ed evitare alcuni dei problemi ​​della condivisione di base dei documenti, per farlo invece in modo scalabile e più gestibile.

Gli add-on, i componenti aggiuntivi, di G Suite, come suggerisce il nome, consentono agli sviluppatori di soluzioni di aggiungere nuove funzionalità e caratteristiche a G Suite o di integrare le proprie soluzioni di terze parti con il prodotto.

Chi scrive progetti di Apps Script ed è abituato a condividerli con altre persone, probabilmente ha già sentito parlare degli add-on e probabilmente li ha anche già usati; chi ha meno familiarità con i componenti aggiuntivi di G Suite, può trovare maggiori informazioni sul sito di Google.

Società partner di Google tra cui Lucidchart, DocuSign, Smartsheet, e molti altri sviluppatori terze parti, offrono già componenti aggiuntivi tramite il G Suite Marketplace, dove gli utenti e gli amministratori della suite di produttività di Google possono scoprire e distribuire estensioni per G Suite.

La maggior parte degli utenti usano Apps Script per automatizzare G Suite e sviluppare strumenti utili per se stessi, il proprio team e il resto della propria azienda, non per distribuire soluzione a un mercato globale. In questo caso, di solito non si prende in considerazione la creazione di un add-on, evidenzia Google, probabilmente perché si pensa che non sia una cosa adatta per progetti piccoli ideati per essere condivisi privatamente, solo dal proprio gruppo di lavoro.

add-on g suite

La realtà, sostiene però Google, è che lo sviluppo del progetto Apps Script come add-on presenta vantaggi anche se chi lo sviluppa è anche l’unico che lo utilizzerà mai. Per cominciare, afferma Big G, ha il vantaggio di rendere il codice più portatile sbloccandolo dall’essere associato a un singolo documento. Ciò consente di riutilizzarlo più volte con documenti diversi, con poco sforzo; proprio come se fosse incorporato in G Suite.

Un altro vantaggio è che, una volta che il componente aggiuntivo viene pubblicato nel dominio, chiunque altro nella propria organizzazione può scoprirlo navigando nel G Suite Marketplace per gli add-on del proprio dominio, e distribuirlo, il tutto senza doversi connettere con lo sviluppatore o addirittura senza nemmeno conoscerlo.

Inoltre, mette in evidenza ancora Google, dei componenti aggiuntivi per i quali la propria azienda dimostra un forte interesse, per l’amministratore di G Suite è possibile eseguire il deployment direttamente all’intera organizzazione (o a unità organizzative del dominio specifiche), rendendo la distribuzione più ampia fluida e standardizzata.

Una volta considerati i vantaggi della distribuzione delle soluzioni come add-on di G Suite, Google aggiunge poi che non c’è nemmeno molto lavoro in più da fare, per passare da un semplice progetto legato a un documento a un componente aggiuntivo pronto per la condivisione.

Per prima cosa, c’è da assicurarsi che la propria interfaccia utente (menu, barre laterali, finestre di dialogo) sia il più intuitiva possibile, poiché altri scopriranno e utilizzeranno il componente aggiuntivo senza la guida di chi l’ha sviluppato. Inoltre, bisognerà basarsi su eventi specifici degli add-on come il trigger onInstall che eseguirà il codice, quando viene installato, direttamente da una delle app di editing di G Suite.

Una volta scritto e testato il codice, per pubblicare l’add-on per G Suite è possibile consultare le indicazioni della documentazione. Da una overview fino alla spiegazione di come creare add-on per G Suite, è possibile trovare tutte le istruzioni e gli approfondimenti sulla guida online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php