Comcast si ritira dalla corsa a MediaOne

Dopo un periodo di braccio di ferro con At&T, Comcast ha deciso di ritirarsi dalla corsa all’acquisizione di MediaOne, grande gestore americano di televisione via cavo. La decisione è maturata dopo che MediaOne aveva deciso di accettare la propo …

Dopo un periodo di braccio di ferro con At&T, Comcast ha deciso di
ritirarsi dalla corsa all'acquisizione di MediaOne, grande gestore
americano di televisione via cavo. La decisione è maturata dopo che
MediaOne aveva deciso di accettare la proposta avanzata dal colosso delle
telecomunicazioni (58 miliardi di dollari più l'assunzione dei debiti) e,
soprattutto, dopo un clamoroso accordo proprio con la rivale
nell'operazione. In base all'intesa, abilmente avanzata da At&T, Comcast ha
ottenuto, in cambio della rinuncia, un ricco pacchetto di 2 milioni di
abbonamenti e un indennizzo da 1,5 miliardi di dollari.
La compagnia telefonica è riuscita anche a conquistare nuovi alleati.
Microsoft, che aveva inizialmente dimostrato un certo interesse ad
appoggiare Comcast, sembra ora orientata a cercare una collaborazione con
At&T. Il progetto elaborato dal primo operatore telefonico sul mercato Usa
di entrare nelle abitazioni degli americani con un unico cavo coassiale,
capace di trasmettere telefonia, televisione e Internet ad altissima
velocità sembra ormai avere la strada spianata, mentre la grande perdente
appare proprio la societa' telefonica Mci, che aveva fatto sapere di essere
pronta a fiancheggiare Comcast nel rilancio di un'offerta d'acquisto su
MediaOne.
L'alleanza fra Microsoft e At&T potrebbe comportare anche una
partecipazione incrociata delle due società. L'acquisizione del 3 per cent
o
della societa' telefonica sara' secondo alcuni osservatori il primo passo
di una sempre maggiore integrazione fra i servizi telefonici e i personal
computer. Bill Gates sembra al momento disposto a impegnare 5 miliardi di
dollari per acquisire la partecipazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here