Cloud, Microsoft semplifica la migrazione su Azure

Microsoft ha presentato Azure Migrate - uno strumento gratuito per rendere facile per i clienti VmWare portare le loro applicazioni nel cloud.

Il cloud Microsoft Azure, come il rivale Amazon Web Services, dà ai clienti accesso a un potere di supercomputing fondamentalmente illimitato su base pay-as-you-go.

Ci sono altri strumenti di migrazione cloud sul mercato, anche da startup come Racemi e Cloudreach.

Migrare non solo VmWare

Tuttavia, Corey Sanders, responsabile del prodotto Azure di Mocrosoft, ha spiegato che se altre soluzioni portano un server alla volta, Azure Migrate porta più di un intero gruppo in una sola volta.

Questo è fondamentale ha spiegato Sanders, perché le applicazioni moderne sono un guazzabuglio di server diversi, che eseguono pezzi diversi dell'applicazione in una sola volta. Non ci sono applicazioni che consistono di un singolo server.

Una volta che i dati vengono effettivamente spostati, Microsoft fornisce strumenti per il "ridimensionamento", e per gestire con precisione l'utilizzo del Microsoft Azure cloud. Con un adeguato ridimensionamento, ha aggiunto Sanders, alcuni clienti risparmiano l'84% rispetto ai costi di gestione dell'infrastruttura VMware nel data center.

E se un cliente non è pronto a utilizzare completamente il cloud Azure, Microsoft ha pronto un servizio in cui, essenzialmente, Microsoft gestirà l’ infrastruttura VMware nei propri data center. Ciò significa che il cliente non deve avere i data center.

Per Microsoft, l'imperativo strategico dietro Azure Migrate è multiforme. In primo luogo, c' è l'ovvio: rendere più facile per le aziende migrare al cloud di Azure anche se VMware stessa non è stata consultata per costruire questo strumento.

L' altro aspetto è che Microsoft sostiene il cloud ibrido, secondo il quale le aziende mantengono alcuni dei loro software e dati su Azure e altri nei propri server. Sanders ha sottolineato che Azure Migrate permette alle aziende di migrare alcuni ma non necessariamente tutti i loro software.

Il che significa che le aziende andrebbero verso il modello di cloud ibrido. Per quanto riguarda il futuro, Sanders dice che Azure Migrate non rimarrà necessariamente uno strumento specifico di VMware e che l'azienda sta ascoltando la domanda dei clienti. L'obiettivo generale è garantire che Azure rimanga il più possibile business-friendly.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome