Cloud: Atos Origin punta al primo posto in Europa

Aperta con Siemens una trattativa di acquisizione ed un contratto per ripensare i trenta data center del gruppo di origine franco-olandese.

Atos Origin e Siemens stanno pensando di creare un’unica società europea di servizi It con un accordo da 850 milioni di euro in azioni, bond e contanti.
Secondo i termini dell’accordo, Atos acquisterebbe Siemens Information Solutions, la divisione servizi di Siemens, diventando così la quinta azienda di servizi It del mondo; in cambio, Siemens otterrebbe una partecipazione del 15 per cento in Atos

Thierry Breton, amministratore delegato di Atos Origin, ha dichiarato che "Partiremo numero due in Europa per i servizi gestiti, impegnandoci a diventare leader nel cloud computing del Vecchio Continente”.

Effettivamente un rapido calcolo mostra che la nuova azienda, con un fatturato pro forma di circa €8,7 miliardi e 78.500 dipendenti su scala mondiale, sarebbe la seconda più grande in Europa, dopo Big Blue: "Ibm diventerà il nostro principale concorrente", ha aggiunto Breton.

Negli ultimi due anni Siemens IT Solutions (SIS) non ha avuto molto successo, registrando una perdita cumulata di oltre 2 miliardi di euro. La nuova partnership spera di assorbire la perdita e di trasformarla in profitto, partendo da un contratto di 5,5 miliardi di euro in 7 anni proprio con Siemens.

Successivamente Atos spera di trarre benefici di scala e in particolare con il passaggio al cloud computing. Nelle parole di Breton, infatti, Atos ha 30 centri dati di grandi dimensioni che saranno sfruttati per assumere un ruolo importante nel cloud.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome