Cisco ai partner, rifacciamo tutte le reti

Rivolgendosi ai propri partner convenuti a Genova alla Cisco Partner Experience, Agostino Santoni, amministratore delegato di Cisco tiene a sottolineare un fatto: «siamo un'azienda internazionale che sta investendo in Italia, e lo facciamo con una visione di lungo periodo».

E ai partner Santoni ha rivolto ai partner un messaggio forte, rivoluzionario, proprio perchè detto da una società che le reti le ha create e sulle reti esistenti ha costruito il suo successo: «rifacciamo tutte le reti, adesso, Agganciamogli la sicurezza, subito. Apriamole al cloud, a tutti i tipi di cloud, spostando liberamente i dati, liberando il loro potere, usandoli massivamente in qualsiasi momento. Questo oggi è il nostro e vostro business».

Quattro caratteristiche comuni a reti e sicurezza

La sicurezza che propone Cisco ha quattro caratteristiche, che sono le stesse che deve avere la nuova rete che i partner dovranno contribuire a creare: «semplice da implementare, aperta, automatizzata e programmabile».

Nel far questo Santoni evidenzia come «abbiamo cambiato il portfolio, con quattro piattaforme, dando continuità di valore ai nostri partner. La parola d'ordine è security. Che va inclusa in tutto quello che facciamo. Sarà il mercato a dirci se la piattaforma integrata di cybersecurity è la risposta che serve oggi. Noi siamo convinti di sì».

Come ha spiegato Andrea Negroni, della cybersecurity channel organization di Cisco, «oggi si può fermare il 99% degli attacchi, ma all'attaccante basta che ne passi uno. Si deve parlare pertanto di capacità reazione a una violazione. Noi dobbiamo misurare efficacia della sicurezza su due parametri: il tempo della scoperta di una violazione (time to detect9 e tempo di risposta (time to response)».

Cisco lavora sui due parametri inserendo automazione, con soluzioni best of Breed e creando architettura integrata.

Oggi la forza di Threat intelligence, Cisco Talos, è fatta da 300 ricercatori «che stabiliscono cosa è una minaccia e cosa no. È semplice, libera risorse ai partner per dare la servizi a valore, gestiti».<

Al Cisco Partner Experience di Genova, ha rivelato il responsabile del canale di Cisco, Eric Moyal, sono intervenute 350 persone in rappresentanza di 110 partner. Una selezione qualitativamente elevata, destinata a figure in grado di cogliere i concetti e tradurli in business.

E per Giorgio Campatelli, responsabile dei partner italiani di Cisco, «il nostro valore oggi è nell'evoluzione della rete, oltre la connettività, oltre l'aspetto fisico, nell'automazione, negli analytics, nella sicurezza».

Campatelli così conferma che la rete va cambiata perchè è il paradigma a cambiare, perché con l'IoT si installano molti più punti rete in azienda. «Il nostro valore è fare adesso la rete del futuro, con i partner». Che sono di cinque tipi: iokl classico reseller, il consulente, il partner tecnologico, quello di soluzione e quello di piattaforma.

Le iniziative locali italiane avviate seguono già questa logica multi modello. Campatelli cita le iniziative condotte con Concept Reply per sviluppare soluzioni IoT e industria 4.0, con Zucchetti per mettere la collaboration dentro l'applicazione HR, con SecureNetwork per la consulenza.

Alla base di tutto c'è la rete intuitiva di Cisco, apertta all'IoT e basata su su tre step contestuali, come spiegato da Alberto Degradi: sicurezza con il policy manager per tutti i dispositivi industriali profilati, integrazione delle apparecchiature in ottica di automazione (It, OT e Lob), analytics di tutto, sensoristica compresa.

Ecosistema di innovazione con Api documentate

Secondo Enrico Mercadante, del digital acceleration team di Cisco, «per andare in fabbrica servono competenze operative e IT, quindi servono due partner che facciano rete, ecosistema.E serve creare use case, guardare e attrarre nuovi player, startup, che indirizzano esigenze verticali. L'ecosistema di innovazione è un add on del nostro go to market.

Come si fa? Rendendo disponibile a chi sviluppa le Api documentate: «stiamo rendendo le infrastrutture di rete Cisco progammabili. L'ha detto il nostro CEO: tutto ciò che facciamo avrà delle Api, su DevNet».
In questo modo si apre il mercato dell'innovazione: «Con Hfarm lanciamo un programma per 5 imprese, teso alla creazione di un Proof of concept in ambito impresa 4.0 che risolve un problema di business. Con Tag, al via un master in digital transformation per 20 figure».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here