Circle

Un nuovo “patto Gentiloni”, per oltrepassare l’elite.

Più che Luigi Nicolais, le cui pertinenze di Innovazione frammiste a
quelle della Funzione pubblica fanno del suo un dicastero
monoprodotto” (dovrà, in sostanza, far sì che la macchina dei rapporti
cittadino-settore pubblico possa funzionare, anche con la tecnologia) il
referente principale per l'ecosistema Ict, fatti salvi i ruoli economici
(economia, lavoro, attività produttive) si ha la sensazione che possa essere il
neo ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni.

Partendo dalle propaggini dell'impero-dicastero, proviamo a tratteggiare la sfera che racchiude il ministro della Margherita.
Il think tank che sorregge Gentiloni (come si desume dai riferimenti del suo blog) annovera, fra gli altri, eminenze grigie del libero pensare l'It in chiave progressista: i blogger di Tunisi (quelli del World Summit sulla società dell'informazione), Enzo DelVecchio, Mauro Lupi, Vittorio Zambardino, Francesco Siliato, Beppe Caravita, Beppe Grillo, Gianluca Neri, Luca Sofri.
In questo circuito, probabilmente, si formeranno le idee, se non lo hanno già fatto, che ispireranno l'azione del dopo-Landolfi (e Gasparri).

Dovessimo puntare 5 euro, lo faremmo sul verificarsi di due azioni mitigatrici sulle leggi Gasparri e Urbani. Ovvero, comunicazione, nel senso più ampio, e uso di Internet, in campo broadband.
E una volta vinto ripunteremmo la posta sul
fatto che anche da noi, nel giro di 5 anni (e qui si formulano gli auguri,
apolitici, perché siano tali e tanti) così come in America sta accadendo ora, si
finisca a discutere una legge sulla “neutralità di Internet”,
sostanzialmente contraria alle pretese dei carrier di Tlc.


E allora il successo non sarà tanto vedere fra i firmatari della legge i Ligabue, i Jovanotti, i Comici di Zelig (che ci sono d'ufficio) ma i Ferro, le Pausini, i Pippo Franco.
Se questo accadrà, Gentiloni, da liberal, avrà sancito il suo bel patto anche con quella sfera ritenuta catto-qualunquista del vivere quotidiano.
E avremo battuto gli americani.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here