Home Digitale Le cinque forze che spingono a fare interconnessione

Le cinque forze che spingono a fare interconnessione

Un nuovo studio di Equinix, l’Indice di Interconnessione Globale (GXI) Volume 2, mostra alcune proiezioni che illustrano come l’ interconnessione stia diventando essenziale per il business digitale.

Il GXI prevede che entro il 2021 la larghezza di banda dell’ interconnessione globale crescerà fino a oltre 8.200 Terabit al secondo (Tbps) di capacità, che può muovere 33 Zettabyte di dati ogni anno, 10 volte più del volume di dati su Internet.

Il GXI descrive cinque tendenze macroeconomiche, tecnologiche e normative che stanno convergendo per guidare la domanda di interconnessione, ossia lo scambio diretto e privato di dati tra le aziende.

Questa richiesta di interconnessione, a sua volta, sta alimentando la crescita della larghezza di banda di interconnessione, la capacità totale fornita per lo scambio privato e diretto con una serie diversificata di partecipanti presso i punti di scambio IT distribuiti.

Secondo Ryan Mallory, Senior Vice President Global Solutions Enablement di Equinix, data l’accelerazione di questi trend, la complessità e i rischi che creano sono in aumento e le aziende hanno bisogno di integrare il mondo fisico e quello digitale.

L’ interconnessione è la chiave per farlo, ed è per questo che diventerà sempre più importante condurre attività digitali in qualsiasi settore industriale nei principali mercati di tutto il mondo.

Business Digitale

La trasformazione del business digitale sta diventando un fenomeno globale. Secondo IDC almeno il 50% del PIL globale sarà digitalizzato entro il 2021 e la crescita in ogni settore sarà guidata da offerte, operazioni e relazioni potenziate digitalmente.

Idc afferma che questo sviluppo è, o dovrebbe essere, innescato da un “ticchettio” nella testa di ogni Ceo, che lo spinge a muoversi il più rapidamente possibile lungo i percorsi di trasformazione digitale.
L’interconnessione diventa un elemento chiave per il business digitale lungo quel viaggio, perché le interazioni in tempo reale tra persone, cose, luoghi, cloud e dati sono fondamentali in un’era digitale. L’interconnessione fa sì che ciò avvenga in modo rapido, sicuro e con la latenza più bassa possibile.

Urbanizzazione

La popolazione globale si sta concentrando nelle città e l’interconnessione è necessaria in quanto le imprese digitali sono costrette a cambiare i propri modelli di erogazione dei servizi per far fronte a questo cambiamento.
Oggi, circa il 55% della popolazione mondiale vive in aree urbane e, secondo le Nazioni Unite, questo aumenterà fino al 68% entro il 2050. Uno studio separato dell’U.S. National Intelligence Council stima che ogni anno 65 milioni di persone si aggiungono alla popolazione urbana mondiale. Con così tante persone così vicine tra loro, i servizi digitali devono essere sempre più concentrati e vicini agli utenti, così le aziende possono fornire la connettività che questi si aspettano. L’interconnessione porta applicazioni, dati, contenuti e networking in prossimità di queste aree densamente popolate. Permette alle aziende di mantenere le promesse di servizio, anche se la domanda continua a crescere.

Cybersecurity

I vantaggi di un mondo più strettamente connesso portano anche al timore che questo livello di connettività renda le aziende più vulnerabili. In effetti, una violazione della sicurezza informatica su larga scala è uno dei rischi più gravi che il mondo oggi si trova ad affrontare. Nel frattempo, gli attacchi andati a buon fine si stanno facendo sentire – EY prevede che il costo globale delle violazioni della sicurezza informatica raggiungerà 6 trilioni di dollari entro il 2021.
Man mano che i malintenzionati diventano più sofisticati ed esperti nell’evitare il rilevamento, le aziende devono rafforzare le proprie difese, anche se aumentano la loro vulnerabilità distribuendo i loro dati su una varietà di fonti e utenti. Per fare ciò, le aziende hanno bisogno che i loro controlli di sicurezza vengano distribuiti. Possono farlo tramite l’interconnessione al confine dove avviene la maggior parte dello scambio di traffico. La natura diretta e privata dell’interconnessione aumenta anche la protezione dei dati e riduce il rischio di essere compromessi.

Conformità dei dati

L’economia digitale può essere globale, ma sempre più paesi richiedono che i dati al centro dell’economia digitale rimangano locali. Non meno di 18 paesi bloccano il trasferimento di dati relativi a informazioni contabili, fiscali e finanziarie.
Ma rimanere conformi è molto di più che seguire le regole. In un’indagine di Thompson Reuters, il 69% degli intervistati ha affermato che il successo degli sforzi di conformità può incrementare l’efficienza e l’efficacia del business consentendo una maggiore attenzione alle attività a valore aggiunto. La necessità di affrontare la conformità spinge l’interconnessione perché questa consente alle aziende di collegare lo storage dei dati, l’analisi e il cloud nella stessa area di business. Questi dati possono rimanere locali e continuare a svolgere il lavoro che un’azienda globale ha bisogno di fare.

Ecosistemi aziendali

Nessuna azienda può agire da sola nell’era digitale. Anzi, la tendenza è l’opposto. Gartner afferma che entro il 2021 il numero di organizzazioni che utilizzano un mix di intermediari sarà più che raddoppiato e che l’impegno attivo di queste organizzazioni con industrie in ecosistemi al di fuori del loro settore nativo sarà quasi triplicato. Perché? Oggi i flussi commerciali digitali stanno creando processi globali di business e dati che coinvolgono una crescente varietà di clienti, partner e dipendenti. L’interconnessione collega in modo sicuro ed efficiente tutti gli attori in tutti questi ecosistemi aziendali, man mano che questi ecosistemi si espandono in profondità e in numero.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php