Home Prodotti Sicurezza Se la Cina attacca, l'intelligenza artificiale consente di difendersi

Se la Cina attacca, l’intelligenza artificiale consente di difendersi

L’amministrazione degli Stati Uniti, insieme a Unione europea, Regno Unito, Giappone, Australia e Canada hanno accusato il governo cinese di collaborare con bande criminali per commettere attacchi informatici diffusi.

Tra questi attacchi viene citato l’hacking nei confronti di Microsoft Exchange all’inizio di quest’anno.

La Cina ha risposto alle accuse sui massicci attacchi contro i server di Microsoft, definendole “infondate e irresponsabili“.

Secondo Corrado Broli, Country Manager Italia di Darktrace, riporta una nota, “È importante che i governi facciano luce sugli autori di queste campagne cybercriminali, ma, allo stesso tempo, la sfida per le aziende rimane la medesima: difendersi efficacemente dagli attacchi condotti da gruppi hacker sempre più sofisticati come Hafnium, implicato negli attacchi ai danni di Microsoft Exchange, e di farlo prima che le attività dell’azienda subiscano interruzioni. L’intelligenza artificiale è intervenuta con successo negli attacchi scagliati da Hafnium contro molte organizzazioni in tutto il mondo. A marzo è riuscita a cogliere indicatori quasi impercettibili della presenza di attività malevole all’interno delle organizzazioni, neutralizzando prontamente le minacce. Oggi le aziende non sono più nella condizione di potersi fidare ciecamente della propria supply chain e devono necessariamente sviluppare una strategia di difesa che parta dal presupposto che gli aggressori siano già all’interno dei loro sistemi. Ecco perché stiamo assistendo a un utilizzo sempre più diffuso dell’intelligenza artificiale, in grado di rilevare e fermare questi attacchi fin dalle prime fasi”.

La cyber intelligenza artificiale cresce del 40%

Contestualmente Darktrace ha condiviso alcune anticipazioni sui risultati finanziari dell’anno fiscale 2021, conclusosi il 30 giugno scorso, che saranno annunciati il 13 settembre.

Darktrace chiude l’esercizio 2021 con circa 5.600 clienti, ampliando la propria base clienti del 42% anno su anno.

Ai tassi di cambio costanti FY 2021, la società prevede un ricavi annualizzati ricorrenti al 30 giugno 2021 di almeno 340 milioni di dollari, che rappresentano una crescita anno su anno a valuta costante di almeno il 44%.

Il fornitore di cybersecurity con intelligenza artificiale prevede entrate per l’esercizio 2021 di almeno 278 milioni di dollari, che riflettono una crescita anno su anno dell’aziende di almeno il 40%.

Darktrace rilascerà i risultati finanziari definitivi dell’esercizio 2021 dopo il 13 settembre.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php