<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Cloud Chrome Enterprise, Google lancia nuove opzioni di sicurezza dal cloud

Chrome Enterprise, Google lancia nuove opzioni di sicurezza dal cloud

Google ha presentato nuovi modi per proteggere il browser in ambienti enterprise con Chrome Browser Cloud Management, per rafforzare la postura di sicurezza delle organizzazioni.

Chrome, sottolinea Google, è equipaggiato con soluzioni di sicurezza integrate che lo rendono una parte cruciale dello stack di sicurezza aziendale.

Ciò, perché per i professionisti It e della security è importante considerare il browser come un componente critico dell’infrastruttura, per mantenere la propria organizzazione al sicuro.

Inoltre, per avere maggiori informazioni sulla sicurezza del browser, Google consigliamo vivamente ai team It di gestire Chrome nella loro organizzazione.

Chrome Browser Cloud Management fornisce ai team It un modo semplice ed efficiente per gestire e proteggere il browser su più sistemi operativi, il tutto dal cloud.

Il vettore di attacco iniziale più comune – mette in evidenza Google – è la compromissione delle credenziali.

Il 2021 ha anche visto una recrudescenza di cyber-attacker che usano malware e ransomware per rubare dati aziendali.

Chrome utilizza la tecnologia Safe Browsing di Google per aiutare a proteggere i dispositivi, mostrando avvisi agli utenti quando tentano di navigare verso siti nocivi o scaricare file pericolosi.

Chrome Enterprise sicurezza

Per ottenere ulteriori protezioni, le imprese possono ora iscrivere i loro utenti in Enhanced Safe Browsing tramite Chrome Browser Cloud Management utilizzando le policy aziendali.

Chrome permette anche alle imprese di sfruttare tali funzionalità per rilevare e avvisare gli amministratori quando i dipendenti riutilizzano le loro password aziendali su siti web non affidabili. Nonché avvisare gli utenti se le loro password sono state compromesse in una violazione dei dati.

La protezione dalle minacce e dei dati di BeyondCorp Enterprise, inoltre, offre Sensitive Data Loss Prevention & Zero Trust Access Control.

Questo consente un accesso sicuro ai dati aziendali e aiuta a rilevare e mitigare le violazioni dei dati dovute alla negligenza dell’utente finale o alle fughe di notizie interne.

Gestire Chrome attraverso Chrome Browser Cloud Management – aggiunge Google – fornisce anche una profonda visibilità dei browser e della postura di sicurezza della propria organizzazione.

Il Chrome version report permette agli amministratori It di vedere facilmente tutte le versioni di Chrome nel loro deployment, comprese quelle minori, in un rapporto giornaliero.

Questa funzione supporta le attività di conformità e di rimedio, e aiuta i team It ad avere più visibilità sulle loro distribuzioni di Chrome e Chrome OS.

Google ha anche lanciato di recente un nuovo Apps & Extensions Usage report che dà al team It visibilità su tutte le estensioni, Progressive Web App (PWA), app Chrome e Android installate, nell’intera distribuzione.

Chrome Enterprise sicurezza

Un’altra nuova funzionalità è l’esportazione CSV attraverso Chrome Browser Cloud Management.

Questo dà agli amministratori la possibilità di scaricare i dati di Chrome Browser Cloud Management in CSV dalla console di amministrazione.

Ci sono anche funzioni per gestire in sicurezza le estensioni.

Gli amministratori, nella console di Chrome Browser Cloud Management, possono ottenere una visione olistica dell’uso delle estensioni sul parco di dispositivi Chrome dell’organizzazione.

Saranno in grado di capire quali estensioni vengono scaricate, quali permessi hanno, e anche forzarne l’installazione o la rimozione da remoto se violano le policy di sicurezza o conformità.

Il flusso di lavoro di Extension request permette di far richiedere agli utenti le estensioni di cui hanno bisogno nel Chrome Web Store. Avere un elenco centralizzato delle estensioni richieste fornisce ai team It e di sicurezza la visibilità necessaria per consentire, bloccare o installare automaticamente le estensioni.

La funzionalità di Extension pinning consente di bloccare l’ultima versione di un’app o di un’estensione di Chrome per controllare quando vengono aggiornate a una versione più recente.

Questa funzione – sottolinea Google – è stata richiesta dai clienti che hanno requisiti rigorosi di gestione dei cambiamenti, specialmente nei settori regolamentati.

Chrome Enterprise sicurezza

Google ha anche lavorato su una nuova pagina dei dettagli delle estensioni. Questa copre ancora più informazioni su ogni estensione: configurazioni, permessi richiesti, accesso al sito web richiesto e installazioni. Questa funzione è attualmente in fase Trusted Tester.

Legacy Browser Support è una funzionalità che permette agli amministratori di eseguire Chrome per la maggior parte del loro carico di lavoro. E di tornare automaticamente a un browser legacy quando gli utenti hanno bisogno di accedere a un sito che funziona solo con quello.

Questi utenti poi tornano a Chrome senza soluzione di continuità quando cercano di accedere a un sito web moderno dal browser legacy.

Questa funzione è disponibile da tempo, ma Google di recente ha aggiunto BrowserSwitcherParsingMode, una nuova policy per rendere il decision switching-engine più compatibile con quello di Edge/IE.

Chrome Browser Cloud Management consente ai clienti di gestire i profili e applicare le policy agli utenti gestiti anche quando effettuano il login da dispositivi non gestiti.

Con i profili protetti di BeyondCorp Enterprise, i clienti possono applicare le policy di accesso aziendali e la protezione da siti web dannosi, phishing e perdita di dati ai profili gestiti, mantenendo separati i profili di lavoro e personali.

La semplicità di questa soluzione e l’approccio agentless con Chrome sono ideali per i lavoratori in remoto o frontline, in quanto possono lavorare in modo sicuro e produttivo e accedere alle risorse da dispositivi non gestiti come farebbero normalmente da uno gestito.

Gli amministratori possono facilmente creare criteri granulari e distribuirli per specifici gruppi di utenti o attività, senza interrompere le operazioni. Così come generare report che forniscono visibilità sugli eventi di sicurezza, aiutando a far emergere e affrontare i potenziali rischi.

Leggi tutti i nostri articoli su Google

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php