Chiusi gli uffici in molte società hi-tech

La maggior parte delle aziende con sede a Manhattan e a Washington ha invitato i propri dipendenti la lavorare da casa. Muore il fondatore di Akamai

Ma quali sono state le reazioni da parte delle aziende del comparto hi-tech? Molte, tra le quali Hewlett Packard, Intel, Emc; Gateway, Microsoft, hanno deciso di chiudere i propri uffici per motivi di sicurezza, invitando i dipendenti a lavorare dalle proprie abitazioni.

Hewlett Packard ha fatto evacuare gli uffici di Manhattan e di Washington, così come hanno fatto tutte le aziende che avevano scelto l’area nella quale sorgeva il Wtc come sede di alcune rappresentanze o attività, mentre Sun Microsystems che occupava il 25° e il 26° piano della torre sud del World Trade Center ancora non è in grado di dire quanti dipendenti si trovassero a quell’ora sul posto di lavoro e quanti siano rimasti vittime nel crollo. In ogni caso, ricordano molti addetti alla sicurezza, la maggior parte delle aziende di medie e grandi dimensioni hanno unità di crisi che entrano in azione proprio in casi di emergenza e che sono in grado di gestire tutte le problematiche legate alla sicurezza per qualche giorno.

Tra le vittime della tragedia anche Daniel Lewin, trentunenne co-fondatore e chief technology officer di Akamai Technologies, che si trovava a bordo di uno degli aerei dirottati e fatti esplodere contro le Twin Towers, così come Edmund Blazer, chief financial officer di Mrv Communication, società specializzata in infrastrutture di rete.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here