Che fatica fare wireless

Il Cio di Cisco testimonia una difficoltà

Brad Boston è senior vice president e Cio di Cisco. Le sue opinioni, pertanto, hanno un peso non indifferente, dato che è uomo che la tecnologia la produce e la usa.

Un'interessante posizione l'ha espressa nel contesto del 3Gsm di Barcellona, dove è intervenuto nella duplice veste. Ma è quella di utente, cioè di Cio che ci interessa da vicino.

In sintesi: nonostante i grandi sviluppi oggettivi degli ultimi anni, l'industria wireless pare aver scoperto una vena d'oro nel consumer trascurando un po' la parte enterprise del contesto, nella misura in cui non è riuscita a fornire un metodo semplice e inequivocabile per dare accesso ai dati aziendali partendo dai dispositivi wireless. Operazione non impossibile, questa, ma che richiede tempo e impegno.

Come utente, Boston ha in mano una "flotta" di 40mila dispositivi mobili, costruita nel tempo, partendo qualche anno fa con circa 12mila dispositivi Palm e Windows. Buona parte del suo lavoro è stato versato alle attività di integrazione con l'infrastruttura aziendale e a quelle di sicurezza. Ma non è stato facile e liscio.

Non che si sia tirato indietro, tanto che il Cio di Cisco non più tardi di sei mesi fa ha introdotto nella struttura altri 6mila Pda e nel prossimo semestre ne vuole far adottare altri 15mila.

Le difficoltà principali vissute da Boston sembrerebbero essere quelle di trovare facilmente tutto il software necessario per integrare i componenti in sicurezza e abilitare l'accesso remoto ai dati aziendali.

Tutto il lavoro che il Cio coordinerà sarà teso a mettere in condizione la forza vendita della società a espletare il proprio lavoro con semplicità, dalla raccolta ordini al Crm, passando per l'approvazione dei contratti.

Ma, pare di capire, se i costruttori facessero qualcosa di più deciso per far integrare in maniera trasparente questi dispositivi con le reti aziendali (un lavoro a monte, insomma) sarebbe cosa gradita. Da Cisco e anche da parte di utenti "normali", che, magari, non hanno in mano le redini della tecnologia come accade alla "regina delle reti".

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here