Home Mercato Cefriel, Stefano Venturi di HPE è il nuovo presidente

Cefriel, Stefano Venturi di HPE è il nuovo presidente

Stefano Venturi, ceo e presidente di Hewlett Packard Enterprise Italia, è il nuovo Presidente di Cefriel.

Stefano Tubaro, Direttore DEIB e Delegato del Rettore del Politecnico di Milano, è nominato Vicepresidente. Antonio Capone, Preside Scuola Ingegneria Industriale del Politecnico di Milano, Mirella Cerutti, General Manager di Sas Institute Italia, Monica Coraluppi, Director di Chorus Call, e Giuseppina Di Foggia, Amministratore Delegato di Nokia, entrano nel CdA come consiglieri, mentre vengono confermati Valerio De Molli, Amministratore Delegato di The European House – Ambrosetti, e Paolo Pandozy, Presidente di Engineering. Confermato Alfonso Fuggetta come Amministratore Delegato e Direttore Scientifico di Cefriel.

Stefano Venturi è stato recentemente premiato al CeoforLife Awards 2021 per il suo impegno nell’utilizzo delle tecnologie innovative applicate ai temi della sostenibilità e della transizione ecologica. Attivo con ruoli istituzionali di alto profilo, in Confindustria, Assolombarda e per due mandati è stato Presidente di American Chamber of Commerce in Italy, Venturi ha una storia trentennale nell’IT nazionale.

Dal 2018 è Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Hewlett Packard Enterprise in Italia e Vicepresidente di Hewlett Packard Enterprise. Per oltre 15 anni in Cisco ha ricoperto la carica di ceo di Cisco Systems in Italia e Vice President Public Sector EMEA, precedentemente a Parigi per quasi 3 anni è stato Managing Director di SunSoft Francia e Paesi Mediterranei.

Ha iniziato la sua carriera nel 1979 nel gruppo Olivetti, per poi entrare in Hewlett-Packard come Software and Sales Engineer e, successivamente, in Wyse Technology Italy come Country Manager.

Per Venturi, si legge in una nota, “Cefriel promuove la crescita delle imprese e del loro capitale umano attraverso la condivisione e il trasferimento delle conoscenze, abilitando i clienti a conseguire un vantaggio competitivo realmente distintivo. Nei prossimi anni saremo chiamati a vincere sfide estremamente stimolanti, come quelle dell’energia, dell’idrogeno e delle infrastrutture, individuando nuovi percorsi strategici e operativi di valore, in linea con l’approccio scientifico che ci contraddistingue come centro di innovazione di eccellenza nel panorama internazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php