C’è il buio nel futuro delle reti ottiche?

La percentuale di capacità di banda sui backbone in fibra europei che rimane invenduta è intorno al 90%, almeno secondo una valutazione Gartner.

La percentuale di capacità di banda sui backbone in fibra europei che rimane invenduta è intorno al 90%, almeno secondo una valutazione Gartner. Parlando in occasione di un simposio sulle telecomunicazioni in Europa, NetEvents, il vice presidente e capo analista Gartner Ian Keene prevede un clima tempestoso su un mercato che quest'anno raggiungerà comunque i 7 miliardi di dollari di valore. "La soglia di utilizzazione delle dorsali dei grandi carrier è al 10 percento della capacità complessiva. Chi vorrà mai installare una batteria di switch a qualche terabit se la rete è così sottoutilizzata. In un'epoca di incertezza di mercato, per gli operatori è un grosso problema", ha detto Keene. "Andrebbe bene anche così, solo che non va bene", ha proseguito l'analista. "In giro ci sono anche molti debiti. I carrier sono molto esposti, alcuni più di altri, molti hanno aperto procedure di fallimento, altri hanno chiuso e i costruttori di infrastruttura che producono, sviluppano e commercializzano tutte queste tecnologie si sono visti ridurre drasticamente il numero di potenziali clienti". Le cifre comunicate da Gartner hanno scatenato le reazioni dei diretti interessati. Phillip Hemsted, responsabile marketing per gli switch ottici di Sycamore Networks, ha definito “spazzatura” le stime di utilizzazione di Gartner, affermando di avere le prove dell'inattendibilità di quelle cifre. Secondo Hemsted per prima cosa la capacità nominale appare sempre diluita in una rete a tecnologia Sdh e inoltre gli operatori utilizzano al massimo il 70% di capacità di un canale prima di attivare un'ulteriore lunghezza d'onda Wdm. Infine, il 70% si riduce di fatto al 35%, essendo il resto assegnato ai circuiti protetti. La percentuale si riduce alla metà, il 17,5%, per la media di utilizzazione reale, che è pari al 50% della banda effettivamente impegnata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome