Cavi Siemon per il campus Vodafone

Il carrier sceglie un sistema di cablaggio Categoria 7A per il Village di Milano.

Vodafone ha scelto di usare un sistema di cablaggio Siemon di Categoria 7A per l'infrastruttura di rete del nuovo quartier generale italiano, il Vodafone Village di Milano, che occupa una superficie di 67.000 metri quadri.

Per creare la rete del campus che ospita tutti i dipendenti Vodafone di Milano, sono state utilizzate circa 40.000 prese Tera di Categoria 7A (per circa 20.000 punti rete) e 1.000 km di cavo Tera di Categoria 7A a 1000 MHz.

Marco Lavia, It Voice Network Operation Manager di Vodafone, si è occupato dell'infrastruttura informatica di supporto.
Per il cablaggio fisico della rete informatica ha scelto una soluzione di cablaggio in grado di sostenere i sistemi informatici anche per il futuro.

Vodafone ha sfruttato la capacità di condivisione del cavo Tera, che consente di trasportare fino a quattro applicazioni dati o voce indipendenti a 1 o 2 coppie in una singola presa per postazione di lavoro.
Questa caratteristica si è dimostrata particolarmente utile nelle aree dei call center dove vengono utilizzati telefoni VoIP.

Come spiega Lavia in una nota di Siemon, una singola presa Tera serve due telefoni VoIp (servizi a 2 coppie) tramite patch cord ibride a 2 coppie, il che riduce il numero di prese installate di circa il 12-15%”: meno cavo significa un uso più efficiente delle canalizzazioni e un minore uso di materie prime.

Negli ambienti di ufficio si utilizzano patch cord standard a 4 coppie che consentono a Vodafone di sfruttare le future connessioni PC a 10 Gb/s.

La densità delle porte, considerando i 20.000 collegamenti installati, era motivo di preoccupazione per Vodafone.
Per risolvere il problema Siemon ha fornito una soluzione con patch cord esclusive di tipo RJ-45 con design brevettato, Blade Patch.
Queste patch possono essere inserite e rimosse senza necessità di premere il meccanismo di blocco e richiedono meno spazio per le dita attorno a ogni patch cord, eliminando i problemi di densità.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here