Cala il fatturato ma sale l’utile netto di Olidata

La mancata vittoria nelle gare indette da Consip per la Pa lascia il segno sui ricavi della società di Cesena. Ma la marginalità sarebbe stata nulla, dice Savini

27 marzo 2003 Olidata paga un contributo pesante
alla crisi del pc lasciando sul terreno il 20% del fatturato che è di 215,4
milioni di euro, ma porta a casa un utile netto di 6,28 milioni
di euro contro i 5,8 dello scorso anno. “La flessione delle vendite alla
Pubblica amministrazione e delle attività di trade
- ha spiegato il
presidente della società Adolfo Savini - sono i principali
responsabili del calo dei ricavi”
. A causa dei buoni piazzamenti ma di
nessuna vittoria nelle gare indette da Consip la Pa è scesa del
67,43%, il trade del 23,14, ma diminuzioni consistenti hanno interessato anche
software (-18,76) e Soho estero (-15,32%), mentre il consumer (in pratica la
Gdo) ha contenuto i danni con un calo del 7,60% e il Soho
Italia ha tenuto con una leggera diminuzione dell'1,37%. “Abbiamo perso
fatturato nei settori a bassa marginalità”
, ha aggiunto Savini secondo il
quale le gare Consip, nelle quali il prezzo è l'unico elemento
veramente importante, sono state perse proprio perché Olidata non ha voluto
rinunciare alla propria redditività. Vendere con pochi punti percentuali di
margine significa sottrarre risorse finanziarie utili per fare crescere la
società in altri mercati, è la tesi del management di Cesena che nonostante
questo spera di riuscire a ottenere qualche vittoria nelle
prossime gare indette da Consip che a breve dovrebbe mettere in palio 80.000 pc
e più avanti altri centomila per un totale di 400.000 entro i prossimi mesi.
Oltre a proseguire nella vendita di notebook (4-5000 pezzi al mese) Olidata per
quest'anno punta a un allargamento delle vendite in Francia
(dove fino a oggi ha piazzato circa 8.000 pc) dove dovrebbe debuttare anche nel
mercato professionale grazie ad accordi con corporate dealer, mentre a settembre
è previsto il debutto in Spagna. Per l'Italia, oltre al lancio
di nuovi prodotti a cavallo fra l'informatica e l'elettronica di consumo
previsti nella seconda metà dell'anno, la società di Cesena si appresta a varare
un'offerta nell'ambito dell'iniziativa governativa del pc ai ragazzi che
compiono sedici anni nel 2003 che dovrebbe prevedere anche un
contributo dell'azienda. Gli altri indicatori di bilancio danno un Mol di 13,8
milioni di euro (14,6 lo scorso anno) e un risultato operativo di 11,5 milioni
di euro (11,8 nel 2001).Il risultato ante imposte è stato di 6,86 milioni di
euro contro 6,3 del 2001. Il debito finanziario è di 51,8 milioni in calo del
4,5% rispetto allo scorso anno.
Quotata al listino principale della Borsa di Milano l'azione di Olidata vale un euro rispetto a crica 1,6 euro del gennaio di quest'anno.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here