Business application. Il menu tradizionale è sempre più ricco

Lo storico mercato degli Erp, con tutto ciò che vi ruota intorno, è vivo e vegeto. Lo testimonia l’affollamento di annunci che si è verificato recentemente a opera dei principali produttori. Al centro delle attività, l’ampliamento delle funzionalità, l’analisi e il midmarket.

Nelle ultime settimane lo scenario delle business application (gli Erp di una volta) è stato movimentato da più fattori. Molti degli attori che lo alimentano hanno aggiornato l’offerta, a cominciare dalla coppia che potrebbe, se l’acquisizione andasse in porto, diventerà un numero due di gran peso. Ci riferiamo, ovviamente, a PeopleSoft e a Oracle.


L’ultima mossa di PeopleSoft ha un sapore particolare, non si sa se in contrasto o propedeutico per l’ingresso della società di Larry Allison: fatto sta che la società ha deciso di rinfrescare l’offerta ereditata con l’acquisizione di Jd Edwards. La piattaforma EnterpriseOne arriva così alla versione 8.11 arricchita di 250 migliorie, tra le quali un modulo per l’ottimizzazione delle linee di produzione e uno dedicato al supporto dell’ormai irrinunciabile Rfid. Novità anche per le applicazioni EnterpriseOne di Crm, che ora sono integrate, a livello di interfaccia e di database, con la supply chain. PeopleSoft mantiene dunque le promesse fatte ai clienti Jd Edwards circa la continuità nel tempo delle loro soluzioni. Ma non solo, perché ha appena dato nutrimento anche al proprio cavallo di battaglia, le Enterprise Human Resources Management Solutions, arrivate alla release 8.9. Anche in questo caso il numero di nuove funzionalità è a tre cifre, tra quelle per mercati specifici e altre orizzontali. Spicca, dati i tempi, la nuova area dedicata alla gestione dei contratti di lavoro precari.


Quanto a Oracle, le ultime novità puntano invece dritte verso il Business performance management, filone attalmente sulla cresta dell’onda. La nuova applicazione Enterprise Planning e Budgeting, che sostituisce Financial Analyzer e Sales Analyzer, fa finalmente perno sulle capacità Olap del database 9i. A questo primo fattore differenziale si aggiungono funzionalità specifiche di reporting e di presentazione dei dati multidimensionali.


In direzione analisi vanno anche le ultime azioni di Siebel: mettendo a frutto il lavoro fatto negli ultimi anni sullo strato analitico delle proprie applicazioni, il vendor ne ha fatto un filone indipendente di offerta.


Il pacchetto di soluzioni Siebel Enterprise Analytics Applications può così essere implementato sia come estensione delle applicazioni di Crm sia in veste, si può dire, "stand alone". Si tratta di una ventina di moduli che indirizzano l’analisi in campo finanziario, supply chain e gestione dei fornitori, prestazioni della forza lavoro, ai quali si aggiunge il customer analytics. Le applicazioni sono in grado di pescare i dati, grazie a una serie di adapter, da piattaforme Oracle, PeopleSoft e Sap. Siebel si è anche accordata con Microsoft per l’ottimizzazione delle applicazioni di Bi con Sql Server, in relazione alle nuove funzioni che arriveranno con la versione 2005 del database. Il legame tra le due società è così forte da prevedere un programma che incentiva le aziende a passare da Unix a Windows nell’aggiornamento a Siebel 7.7.


Mentre stringe alleanze infrastrutturali, Microsoft non dimentica che le applicazioni business sono un piatto ricco in sé. Sebbene la società non abbia intenzione di entrare nel mercato delle enterprise application (lo ha dichiarato Steve Ballmer), è certo che intende diventare un nome sul fronte delle business application per il medio mercato.


Proprio qui sono arrivate ulteriori novità. La divisione Microsoft Business Solutions ha, infatti, aggiornato alla versione 6.0 Solomon, Erp che accoppia alle normali funzioni "contabili" quelle di project management. Le migliorie della release si riferiscono tanto all’interfaccia, che sposa l’impronta Windows-like ed è maggiormente personalizzabile, quanto alle funzionalità, potenziate sul lato finanziario e analitico.


Non poteva mancare all’appello degli aggiornamenti il numero uno degli Erp, Sap. Il fronte d’azione è lo stesso di Microsoft, le Pmi, alle quali il vendor dedica una versione Business One che apporta funzionalità intelligenti di Material requirement planning e permette di utilizzare come basi dati, oltre a Sql Server, anche Sybase Ase e Ibm Db2 Express Edition.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here