Brightpoint ed E-Motion, il supporto dei distributori

Settembre 2008 Per chi realizza soluzioni mobili personalizzate ha grande importanza il supporto che può ottenere dai distributori, in alcuni casi l’unico punto di riferimento italiano di marchi importanti. Tra questi c’è Brig …

Settembre 2008

Per chi realizza soluzioni mobili personalizzate ha grande importanza il supporto che può ottenere dai distributori, in alcuni casi l’unico punto di riferimento italiano di marchi importanti.
Tra questi c’è Brightpoint Italia, filiale della omonima multinazionale specializzata nei prodotti e servizi per la mobilità, oggi impegnata anche a sondare le opportunità di mercato create dalla convergenza tra telefonia mobile e pc con gli Eee Pc di Asus, che distribuisce.
La società è giunta tempo fa in Europa con l’acquisizione di Dangaard, che a sua volta aveva rilevato nel 2001 Eltron di Reggio Emilia. «La nostra specializzazione negli smartphone è di lunga data - spiega Enrico Pappolla, sales director di Brighpoint Italia -. Abbiamo cominciato con marchi importanti come Microsoft e Qtek (Htc) supportando quest’ultimo con servizi e supporti più tipici di una filiale che non di un distributore. Abbiamo tenuto i rapporti diretti con i grandi operatori mobili e ci siamo fatti carico di progetti e attività di sviluppo con persone interne e team esterni per soluzioni su misura».

Tra le realizzazioni a cui l’organizzazione che fa capo a Brightpoint ha dato supporto c’è il progetto che ha fornito di terminali mobili (oltre 15.000) al personale di bordo di Trenitalia, in collaborazione con Tim e Microsoft. Con Value Team e Alfi, è stato, invece, realizzato il sistema per l’automazione dei tornelli allo stadio Meazza di Milano, basato su palmari e tecnologia Rfid.
«Abbiamo la capacità di seguire direttamente i progetti su piattaforma Windows Mobile e Symbian - conclude Pappolla -. In seguito al recente accordo di distribuzione con Rim, contiamo di estendere queste attività nel segmento enterprise».

Un altro riferimento italiano per chi realizza progetti in ambito mobile è E-Motion, distributore di palmari, smartphone, navigatori con i marchi Apple, Htc, TomTom oltre a quello proprietario Lovemytime.
«Abbiamo iniziato sei anni fa con i marchi Palm Treo e Handspring - spiega Filippo Bellotti amministratore delegato di E-Motion -. Oggi gli smartphone sono più accessibili, ma richiedono anche maggiore supporto per sfruttarne le funzionalità».
E-Motion ha creato un team di persone sul territorio per supportare i servizi ai rivenditori, oltre al network SmartPro, collegato al sito www.smartpro.it. «Il sito raccoglie contenuti e servizi per ogni tipologia di utenti - continua Bellotti -, è anche il punto d’incontro tra chi cerca una soluzione e chi la offre, magari in associazione con altri membri del network». SmartPro supporta anche sviluppatori e integratori con informazioni tecniche e offerte mirate per i sample dei prodotti. «Vogliamo aiutare i rivenditori, che oggi soffrono la concorrenza della grande distribuzione, a specializzarsi con l’offerta di servizi e contenuti». E-Motion, inoltre, sta mettendo insieme servizi finanziari (nome SmartLease) che permetteranno al canale di offrire da questo autunno servizi di noleggio operativo e assemblare per i clienti offerte di servizi su misura, in modo indipendente dall’operatore telefonico. Lo sviluppo di personalizzazioni è importante anche per l’ambito consumer. «Per questo abbiamo sviluppato un software esclusivo che associa gli smartphone Htc con il mapping e un database di monumenti, alberghi e guide in collaborazione con il Touring Club Italiano», conclude Bellotti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome