Ofo è una piattaforma di bike sharing free floating, a flusso libero, cioè senza stazioni fisse: è possibile parcheggiare le biciclette in qualsiasi luogo sia consentito. L’azienda è cinese e la sede principale è a Pechino: è stata fondata nel 2014 da Dai Wei, che è anche il suo attuale CEO. Ofo è al momento attiva in 170 città di 9 paesi, per i quali ha fornito oltre 8 milioni di biciclette condivise da decine di milioni di utenti unici che hanno percorso 1,2 miliardi di chilometri in bici nel mondo. Le biciclette gialle di Ofo sono sbarcate anche in Italia e per il debutto nel nostro Paese è stata scelta la città di Milano.

Milano comunque, assicura l’azienda, non sarà la sola città coperta dal servizio. Ofo ha intenzione di estendere la sua proposta di bike sharing free floating anche ad altre città italiane. Non solo: l’azienda intende anche incoraggiare in generale l’uso della bicicletta attraverso una serie di iniziative. Ricordiamo che a Milano è attiva anche la piattaforma di bike sharing concorrente di Ofo, Mobike.

bike sharing OfoCome avviene per il car sharing, naturalmente anche il bike sharing nasce e si sviluppa all’insegna della community e delle tecnologie smart. È dunque centrale il ruolo della app, disponibile per iOS e Android. L’app Ofo consente di trovare una bicicletta, sbloccarla mediante un codice QR o numerico e poi bloccarla di nuovo una volta concluso il nostro tragitto.

L’anteprima nazionale è stata offerta a CityTech 2017 mentre il servizio Ofo sarà a regime nel mese di ottobre. Gradualmente il servizio raggiungerà le 4.000 biciclette, quantità prevista dal lotto assegnato a Ofo in seguito al bando vinto per il bike sharing a flusso libero. Mobike, la piattaforma concorrente, è presente anche a Firenze e avrà la possibilità di mettere a disposizione un numero ancora più elevato di biciclette a Milano, cioè 8.000.

L’Amministrazione comunale milanese ha annunciato che saranno in tutto 12.000 le biciclette del servizio di bike sharing a flusso libero a disposizione dei cittadini entro la fine dell’anno. Il bando del Comune di Milano aveva infatti diviso la quota in tre lotti da 4.000 bici ciascuno, così divisa tra i due operatori che gestiranno il servizio: Mobike avrà una flotta di 8.000 mezzi (due lotti aggiudicati) e Ofo una flotta di 4.000 (un lotto). A Milano c’è anche il servizio di bike sharing del Comune, BikeMi, anch’esso funzionante con un’app e che prevede delle stazioni fisse da cui le biciclette sono prelevabili.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome