Bea e Tibco scaldano il mercato degli enterprise portal

Tibco rilascia activePortal 3, una piattaforma per la creazione di portali capaci di integrare tutte le informazioni provenienti da fonti interne all’azienda o estere. Intanto, anche Bea Systems e Divine danno gli ultimi ritocchi a soluzioni previste entro la fine del mese.

Fino a oggi dominato da una ristretta cerchia di vendor molto specializzati, il mercato dei portali aziendali, o enterprise portal, vive una fase di fermento grazie ai pesi massimi delle piattaforme e dei servizi infrastrutturali. In settimana da Tibco Software è in arrivo la novità di ActivePortal 3, una piattaforma per la creazione di portali capaci di integrare tutte le informazioni provenienti da fonti interne all'azienda o estere. Contemporaneamente, Bea Systems e Divine stanno dando gli ultimi ritocchi a soluzioni previste entro la fine del mese. L'obiettivo di ActivePortal 3 è quello di raccogliere e visualizzare in modo organizzato, attraverso una familiare interfaccia Web, i dati generati dalle applicazioni aziendali e le informazioni raccolte da altre fonti. L'intenzione è di mettere in mano al singolo dipendente le effettive capacità dei sistemi di back-end fino a oggi nascosti. David Hickman, product manager di Tibco osserva che ActivePortal "è un passo in più rispetto al tipico portale informativo; non vogliamo semplicemente presentare le informazioni ma offrire una piattaforma aziendale sulla quale costruire vere e proprie soluzioni". Il prodotto include un ambiente di personalizzazione, PortalBuilder basato su standard come J2ee, Soap e Wsdl (Web service description language) per integrare le tecnologie del Web e application serving e dei database. I prodotti annunciati da Bea e Divine (acquirente di Open Market e Eprise) sono rispettivamente il Bea WebLogic Portal 4.0 e le Enterpresi Content Solutions.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome