Bea e Sun: avanti gli application server

La prima fa accordi con Veritas per gettare un ponte Java verso l’utility computing. La seconda aggiorna la platform edition con J2Ee 1.4.

13 aprile 2004

Bea e Sun, praticamente all'unisono, hanno sentito il bisogno di riaffermare il proprio status quo sul fronte degli application server Java.


La prima ha stretto un accordo con Veritas, e la mossa non sottende una delle tante partnership del settore, proprio in virtù delle ultime mosse fatte dalla società di storage management, che ha fatto evolvere la propria offerta in direzione dell'utility computing e della gestione connessa.


L'accordo fra le due società, allora, volge a far cooperare al meglio l'application server J2Ee di Bea, WebLogic, con tre prodotti Veritas. Segnatamente: Veritas OpForce, cioè la soluzione per il provisioning automatico dei server, Indepht, per la gestione delle performance delle applicazioni e Cluster Server, per la gestione ottimale dei gruppi di sistemi.


In pratica, le due società hanno tracciato un percorso di avvicinamento all'utility computing, basato su Java, che dovrebbe aiutare le imprese anche a ottimizzare i costi di gestione delle infrastrutture.


Parallelmente, Sun ha rilasciato Java System Application Server Platform Edition 8, cioè l'upgrade del proprio server applicativo che incorpora il supporto delle specifiche J2Ee 1.4, insieme al corrispondente Sdk.


Fra le novità della Platform Edition 8, scaricabile gratuitamente dal sito della società c'è quindi il supporto dei servizi Web secondo il Basic Profile Ws-I (Web Services Interoperability), ovvero l'organizzazione di cui fanno parte anche Ibm e Microsoft.


L'application server supporta anche le nuove specifiche Java Server faces 1.0, cioè il set di Api che consente di creare facilmente interfacce per applicazioni J2Ee e di riusarne il codice.


La disponibilità attuale della Platform Edition fa parte della politica di Sun di diffusione dei propri tool di sviluppo e gestione del software, tesa a recuperare terreno nei confronti dei competitor.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here