Axway cresce in fatturato e in margini operativi

La società del gruppo Sopra, attiva nel File transfer management e nell’Eai, ha visto premiato nel 2003 il suo approccio al mercato con soluzioni innovative, frutto di una coerente attività di ricerca e sviluppo.

7 aprile

In un mercato generale in stallo, se non in contrazione in molti paesi europei tra i quali l’Italia, per una società come Axway (attiva nell’integrazione delle applicazioni con oltre 5mila clienti) rappresenta una certa soddisfazione comunicare dati di bilancio relativi al 2003, che parlano di una crescita del fatturato del 6,9%, pari a 74,8 milioni di euro, e di un aumento dei margini operativi del 9% rispetto al 2002.


Axway fa parte del gruppo francese Sopra, che opera nell’ambito delle soluzioni File transfer management ed Eai (Enterprise application integration) e che ha chiuso l’esercizio con un fatturato di 525,3 milioni di euro, in leggero calo sul 2002, ma in utile operativo per 31,9 milioni.


Sulla situazione generale, come ha sottolineato Enrico Baldelli, amministratore delegato di Axway Italia, ha pesato il trend negativo registrato in Europa da software e servizi, dovuto al vistoso calo degli investimenti di mercati come industria, finance servizi, Tlc e media, mentre solo il settore pubblico e le utility hanno continuato a crescere, seppur di poco.


Il fatto che Axway sia riuscita a far meglio dei diretti competitor, secondo Baldelli dipende dal fatto che gli utenti hanno apprezzato la qualità dei prodotti e l’offerta di nuovi moduli, in linea con le attese del mercato (frutto, peraltro, di un’attività di R & D per la quale la società investe oltre il 20% del fatturato) e la capacità di realizzare progetti di una certa complessità.


Tra i nuovi rilasci del 2003 troviamo Sentinel, la soluzione di Business activity monitoring (Bam) per il monitoraggio centralizzato dei processi di business; Xrdj, il broker finanziario per accelerare l’implementazione delle norme Ias/Ifrs e Xib (aXway Integration Broker), una soluzione che si propone di semplificare il processo di integrazione dei dati ed è completamente indipendente dalla piattaforma su cui opera e Axway for SwiftNet, per l’integrazione dei dati Swift nei sistemi informativi aziendali.


Riguardo agli obiettivi del 2004, Baldelli ha evidenziato che Sopra si propone di diventare uno dei primi 10 player europei nel mondo dei servizi It (entro il 2007), di crescere ulteriormente, sia per capacità interne che con acquisizioni, e di aumentare la posizione di Axway all’interno del gruppo, per la quale gli obiettivi a breve termine sono di capitalizzare gli sforzi fatti nella realizzazione della propria suite completa Xip, di sviluppare nuove partnership e di accrescere il proprio business sia con un aumento delle vendite in licenze e progetti sia con acquisizioni, anche locali. In Italia la filiale di Axway (che contribuisce al 5% del fatturato globale della casa madre) è presente a Milano e Roma, con oltre 150 specialisti. Attualmente conta più di 100 clienti e un fatturato realizzato per il 53% dalle licenze, per il 25% dai servizi (area dove Baldelli si propone di crescere in modo particolare nel 2004) e per il 22% dalla manutenzione. Riguardo alle aree di attività, l’Eai ha contribuito per il 52%, l’Xfb (file transfer) per il 46% e l’open process per il 2%.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here