Avm alla conquista del mercato italiano

Specializzata in controller Isdn/Adsl e nella tecnologia bluetooth, l’azienda tedesca sta creando la sua rete distributiva

18 settembre 2002> Partenza aggressiva per la filiale italiana di Avm, azienda tedesca specializzata nella progettazione e nella realizzazione di prodotti per le comunicazioni Isdn, Adsl e Gsm. L'ufficio italiano, aperto a Milano nei primi mesi dell'anno, ha pianificato una strategia di penetrazione sul nostro mercato basato su due distributori (Cofax e Alias) e 17 partner distribuiti in modo abbastanza uniforme sul territorio. Ma la società, fiduciosa delle potenzialità dell'Italia, conta di migliorare la sua posizione fino a conquistare una posizione tra le prime tre aziende nella vendita di controller Isdn/Adsl e Bluetooth.
Forti investimenti sono stati programmati sia a livello di pubblicità verso l'utenza finale, per far conoscere brand e prodotti, che nei programmi di supporto tecnico, commmerciale e di marketing per i partner che aderiranno alla proposta.
Le caratteristiche dei prodotti di Avm sono da collegarsi al livello di tecnologia utilizzata, considerata innovativa, solida e molto affidabile, e all'assistenza fornita a tutti i distributori autorizzati. I partner di Avm, che possono contare su un buon margine, ricevono una certificazione dopo aver effettuato un periodo di training specializzato e sono agevolati attraverso operazioni di marketing congiunte.
“Siamo convinti che a contare sia la qualità - afferma Gianni Garita, marketing manager per l'Italia di Avm - e siamo sicuri che anche in Italia otterremo lo stesso successo che abbiamo avuto in Germania con i controller Isdn/Adsl e le innovazioni riguardanti Adsl e Bluetooth. La famiglia di prodotti Blue!Fritz e gli altri nostri dispositivi hanno ricevuto più di 120 riconoscimenti dalle maggiori riviste europee. Non è solo un fatto di immagine, ma una realtà che i clienti italiani potranno toccare con mano”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here