Home Cloud Automazione e sostenibilità accelerano la tecnologia edge

Automazione e sostenibilità accelerano la tecnologia edge

L’automazione e una gestione sostenibile dei dati con l’edge computing sono la risposta ai problemi di elaborazione generati dalla mole di dati con cui si confrontano le aziende oggi. Oggi innovare essenziale per chi, in un’era digitale, vuole beneficiare dei vantaggi che derivano dalla capacità di saper interpretare e gestire i dati in tempo reale. Ne abbiamo parlato con Alberto Bastianon, Presales Director di Dell Technologies Italia.

L’edge computing sta rivoluzionando il mondo della gestione e dell’elaborazione dei dati. Cosa rappresenta concretamente per le aziende?

La capacità di elaborare i dati at the edge è, a livello infrastrutturale, ciò che permette alle aziende di crescere e di adattarsi all’era dei dati, e di restare focalizzate sull’innovazione e su una visione al lungo termine del loro piano di crescita . Rendere più automatica l’elaborazione dei dati consente di garantire servizi, sia per le imprese, sia per la collettività, che solo qualche anno fa erano inimmaginabili.

L’unità di misura dei dati pare essere ormai  lo Zettabyte

Esattamente: oggi non parliamo più di gigabyte o terabyte, ma di Zettabyte, l’equivalente di un miliardo di terabyte. È questo il risultato di una vita sempre più connessa e della nostra dipendenza dai dati. Secondo Gartner, entro il 2025, il 75% dei dati aziendali sarà elaborato al di fuori di un tradizionale data center centralizzato o in cloud. Dotarsi di una piattaforma moderna è oggi un business imperative. Per fronteggiare questa necessità, diventa sempre critico far evolvere le tecnologie cloud di base: questo permette alle aziende di essere pronte all’avvento del 5G, che porterà servizi e abiliterà tecnologie che avranno un impatto incredibile sulle nostre vite. Basti pensare al contributo che il 5G darà nel colmare il digital divide, nel campo dell’istruzione, della sanità o della Pubblica Amministrazione.

Alberto Bastianon, Presales Director  di Dell Technologies Italia

Cosa proponete alle aziende che vogliono affrontare questo futuro accelerato?

Riteniamo che, per beneficiare dei vantaggi che derivano dai dispositivi connessi – siano essi nelle fabbriche, in auto o nei negozi – sia fondamentale la potenza di elaborazione. E’ questa che permette di “attivare l’Edge”, dare precedenza all’automazione e, infine, apprezzare la potenza che deriva dalla velocità del 5G. Il recente lancio della nostra linea di Power Edge Server va esattamente in questa direzione, fornendo la soluzione in grado di gestire Zettabyte di dati, in modo automatico, sicuro e sostenibile. Solo con un’elaborazione sovralimentata l’Edge potrà gestire una tale mole di dati.

Quanto sta divenendo centrale il tema della cybersecurity?

Il Digital Transformation Index 2020 di Dell Technologies ha rilevato che le preoccupazioni riguardo la privacy dei dati e la sicurezza informatica sono la prima barriera alla trasformazione digitale. È innegabile che, in un panorama digitale in rapida evoluzione, con attacchi hacker cresciuti esponenzialmente, le aziende devono investire per migliorare la sicurezza della propria infrastruttura, ad ogni livello e soddisfacendo al contempo i requisiti di conformità. La chiave è, credo, costruire una resilienza proattiva e lavorare al proprio interno perché la trasformazione digitale sia vista con fiducia.

Oggi vi è molta attenzione al tema della sostenibilità. L’edge aiuta le aziende a essere più green?

Quando elaboriamo i dati at the Edge riduciamo di molto il consumo di energia, e l’ambiente non può che beneficiarne. Questa tecnologia, infatti, richiede un cooling footprint inferiore, nonostante renda possibile una maggiore potenza di elaborazione. In pratica, si riesce a fare di più con molto meno. Prima si riuscirà a far capire alle aziende i vantaggi di una adozione dell’edge computing in termini di risultati di business, più rapidamente le aziende lo adotteranno e, di conseguenza, più velocemente si potranno ridurre al minimo i trasferimenti di dati “pesanti” tra dispositivi e data center. Dell Technologies è impegnata a ridurre l’intensità energetica del suo intero portafoglio prodotti dell’80% entro il 2030. Alla fine dello scorso anno avevamo già raggiunto una riduzione del 69,9%. Le soluzioni Edge sono parte fondamentale di questo impegno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php