Autodesk pronta al varo di Civil 3D

Il software per la progettazione tridimensionale di grandi opere infrastrutturali sarà sul mercato italiano dal prossimo novembre.

30 settembre 2004

Attualmente in Beta 2, Civil 3D di Autodesk sarà disponibile per i progettisti di grandi opere infrastrutturali dal prossimo novembre.

Tradotto nella nostra lingua ma soprattutto localizzato tenendo conto delle normative e delle regole vigenti in Italia, il software si sviluppa attorno ad alcuni punti specifici: un approccio model based (che genera e gestisce relazioni intelligenti tra oggetti), la possibilità di effettuare modifiche che vengono dinamicamente aggiornate su tutti gli elaborati collegati, il motore di AutoCad e l'interazione tra 2D e tre dimensioni.

La soluzione condivide le informazioni anche con reparti diversi da quello strettamente di progettazione (ad esempio con l'analisi del territorio), integrando i dati tra Cad e Gis e l''integrazione con i gestionali avviene tramite interfaccia.

E', inoltre, in essere un agreement particolare con Oracle per quanto riguarda i data base.

“Posto che il bene principale per un'azienda è rappresentato dai dati >- ha indicato Carlo Leone, direttore divisione Soluzioni per le Infrastrutture di Autodesk Italia -, con Civil 3D si passa da una distribuzione non uniforme di questi ultimi alla loro centralizzazione e all'interoperabilità tra i vari attori del ciclo di progettazione”.

La possibilità di disporre di applicazioni verticali avanzate per problematiche specifiche per l'ambiente ferroviario, stradale e idraulico, oltre a uno standard di progetto prefissato e a sezioni parametriche trasversali costituiscono, a detta del manager, i principali vantaggi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here