Home Prodotti Sicurezza Assicurarsi contro i cyber risk, i cinque passaggi fondamentali

Assicurarsi contro i cyber risk, i cinque passaggi fondamentali

Oggi nelle aziende i cyber risk sono andati ben oltre i data breach e le preoccupazioni per la privacy, elaborando schemi sofisticati che possono mettere in ginocchio intere aziende, causando perdite economiche spesso difficili da sostenere.

Lo sostiene Alice Campani, Underwriter Cyber di Victor Insurance Italia, parte della più grande realtà globale di Managing General Underwriting.

Dal rischio, dice Campani, non sono esenti liberi professionisti e piccole e medie imprese, che rappresentano un’importante fetta dell’economia italiana: anzi, le perdite legate ad attacchi informatici possono potenzialmente avere un impatto ancora maggiore sulle realtà a fatturato più basso.

Alice Campani, Underwriter Cyber di Victor Insurance Italia

Ecco perchè per le aziende di ogni dimensione e settore è arrivato il momento di sviluppare un piano concreto per affrontare i cyber risk, che secondo Campani non può  prescindere da cinque passaggi fondamentali.

Creare una solida cultura aziendale

Investire nella formazione, costruendo, a livello organizzativo, una forte cultura aziendale in materia di sicurezza informatica, definendo standard chiari e condivisi per la governance, la responsabilità, le risorse e le azioni da mettere in pratica.

Quantificare il valore economico del cyber risk

Disporre di un calcolo preciso dell’ammontare, in termini economici, dei potenziali danni legati ad attacchi informatici permette di prendere decisioni più informate in merito all’allocazione del capitale, di misurare efficacemente le performance e, in definitiva, di inquadrare il rischio informatico con gli stessi parametri degli altri rischi aziendali.

Considerare il rischio insito in ogni tecnologia

È fondamentale valutare le implicazioni, a livello di sicurezza informatica, che qualsiasi tecnologia porta con sé, considerandole in un processo continuo e tenendole sotto controllo, con lungimiranza, attraverso l’intero ciclo di vita della tecnologia stessa.

Essere consapevoli che nessuno vince da solo

Il rischio non è solo interno all’azienda, ma corre lungo tutta la catena di partner e fornitori: va quindi gestito con un’attenzione collettiva, riconoscendo la necessità di fiducia e di standard di sicurezza che accomunano l’intera rete. Inoltre, è importante promuovere e sostenere partnership a livello pubblico/privato su questioni critiche legate al rischio informatico, così da garantire all’intero settore di riferimento una maggiore protezione e condivisione delle best practice.

Dotarsi di un supporto assicurativo

Ultimo, non per importanza: per le aziende è essenziale poter contare su una solida polizza Cyber a tutela dei rischi informatici e dalle conseguenze che questi possono avere, come eventuali perdite di profitto legate all’interruzione delle attività, falle nella sicurezza della rete ed errore umano.

Ad esempio, spiega Campani, la polizza cyber di Victor Insurance Italia permette ai broker di garantire ai propri clienti, come  aziende di piccole e medie dimensioni, professionisti, studi, associazioni, una copertura relativa a perdita e ripristino di dati (compresi decontaminazione e recupero) servizi di Incident Response e costi investigativi, con il supporto di una linea diretta attiva 24/7, costi derivanti da ritardo o interruzione in caso di business interruption; spese legali, ivi comprese quelle per far valere le penali contrattuali.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php