Secondo l’ultima analisi di Sensor Tower, società specializzata in market intelligence e insight per l’app economy globale, i top publisher dell’App Store di Apple guadagnano in media il 64% in più rispetto a Google Play.

I publisher top 100 di app su App Store di Apple e su Google Play hanno generato una media combinata di 130,4 milioni di dollari in spesa consumer a livello globale, durante il primo trimestre del 2019, secondo le stime dello Store Intelligence di Sensor Tower.

I principali publisher di App Store hanno registrato un income lordo medio di 83,8 milioni di dollari, pari al 64% in più della media di 51 milioni di dollari spesi per le app dei 100 publisher più redditizi di Google Play.

Sensor Tower ha analizzato le spese trimestrali da parte dei consumatori per le app dei primi 100 publisher su App Store e Google Play, tra il primo trimestre 2014 e il 2019. L’analisi ha rivelato, spiega la società, un tasso di crescita annuale composto (CAGR) di circa il 31% in questo periodo, con CAGR individuali di App Store e Google Play molto vicini, al 31,3 e 31,2 percento, rispettivamente.

La spesa media dei clienti per i publisher top 100 a livello globale, lo scorso trimestre, in entrambi gli store è stato del 12,1% superiore rispetto al primo trimestre del 2018, quando la spesa stimata è stata di 116 milioni di dollari. Inoltre, la media di 130,4 milioni di dollari dello scorso trimestre è stata superiore del 285% rispetto alla media di 33,9 milioni di dollari spesi per questi publisher nel primo trimestre 2014. La media dell'App Store è cresciuta del 291% da allora, mentre Google Play ha registrato un incremento del 289%.

Nell’esaminare in particolare i 100 publisher di app non-gaming con gli incassi più alti, Sensor Tower ha riscontrato che la differenza nella spesa media dei clienti tra App Store e Google Play è molto maggiore. I clienti hanno speso in media 23,3 milioni di dollari in app dai principali publisher non di gaming su App Store nell'ultimo trimestre, rispetto ai 7 milioni di dollari su Google Play.

Ciò costituisce una differenza del 232 percento, sottolinea Sensor Tower, con i principali publisher non di giochi sulla piattaforma Apple che hanno incassato in media 3,3 volte tanto quanto le loro controparti di Google Play. I primi 100 publisher non di giochi in entrambi gli store hanno incassato in media 29 milioni di dollari durante il primo trimestre.

I dati di Sensor Tower sembrerebbero suggerire che gli utenti dell’App Store di Apple sono più propensi a spendere per la produttività, la creatività e altre attività, oltre che per i giochi. Il gaming rimane comunque, come vediamo più avanti, il traino principale per entrambi gli store.

Le revenue lorde medie dei 100 principali publisher non di giochi in entrambi gli store sono aumentate a un CAGR del 56% dal primo trimestre 2014, con CAGR individuali per App Store e Google Play rispettivamente del 56,1% e del 50,9%. I clienti hanno speso circa il 33 percento in più in media, per app dei primi 100 publisher non di giochi, nell'ultimo trimestre rispetto al primo trimestre del 2018, con la spesa media su App Store in crescita del 30,5 percento anno su anno e del 44,4 percento di Google Play, rispetto allo stesso trimestre di un anno fa.

Il gap si riduce leggermente quando si tratta di publisher di app del settore gaming. Sensor Tower ha infatti analizzato i publisher top 100 di giochi in generale e su ciascuno store, trovando che la differenza nella spesa media tra l'App Store e Google Play era in questo caso più vicina, ma ancora molto favorevole a Apple.

Una media di 114,5 milioni di dollari è stata spesa per le app dei principali publisher di giochi su entrambi gli store lo scorso trimestre, circa quattro volte di più rispetto ai 29 milioni di dollari di entrate medie dei principali publisher non di gaming. Lo scorso trimestre i principali publisher di videogiochi di App Store hanno incassato una media di 70,3 milioni di dollari, il 48% in più dei 48 milioni di dollari registrati su Google Play.

Le revenue medie dei 100 principali publisher di giochi in entrambi gli store sono cresciute a un CAGR del 28,5% dal primo trimestre 2014, con Google Play in crescita leggermente più veloce rispetto all'App Store: 30,2% di CAGR contro il 27,9%. La media dei 100 maggiori publisher di giochi su Google Play ha registrato un aumento del 12,6 percento nel primo trimestre rispetto al trimestre di un anno fa, rispetto al 9,8 percento di crescita dell'App Store.

L’analisi di Sensor Tower conferma dunque che l'App Store di Apple rimane il principale store mobile in termini di spesa consumer, da una varietà di prospettive diverse. Una tendenza non nuova, ma che si conferma, considerando che anche lo scorso anno i clienti avrebbero speso l'88% in più su App Store che su Google Play, sempre secondo l’analisi di Sensor Tower, consultabile a questo link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome