Home Software Sviluppo Android, le nuove funzioni per gli sviluppatori

Android, le nuove funzioni per gli sviluppatori

In occasione dell’evento virtuale Android Dev Summit 2021, Google ha lanciato o ulteriormente approfondito numerose nuove funzionalità dedicate agli sviluppatori Android.

Oltre naturalmente a 12L, il nuovo set di funzionalità e ottimizzazioni per la user experience di Android, progettato per i dispositivi con schermo grande: tablet, pieghevoli e device ChromeOS.

Vediamo di seguito alcune delle altre novità emerse all’Android Dev Summit 2021.

Innanzitutto si è parlato di Google Play.

Google ha apportato importanti cambiamenti – ha sottolineato Big G – per garantire che tutti i tipi di imprese possano avere successo sul suo store. Ora ci sono più programmi progettati per sostenere l’ecosistema di app Android, con il 99% degli sviluppatori che si qualificano per una fee del 15% o meno.

Recentemente, Google ha annunciato che, a partire dal 1° gennaio 2022, sta diminuendo la commissione di servizio per tutti gli abbonamenti su Google Play dal 30% al 15%.

Inoltre, Big G sta apportando modifiche al programma Play Media Experience: gli ebook e i servizi di streaming musicale on-demand saranno ora ammissibili per commissioni di servizio a partire dal 10%.

Google sta anche investendo in nuovi strumenti per gli sviluppatori che aiutano a proteggere le app e giochi da abusi e attacchi, in modo da poter garantire un’esperienza più sicura per gli utenti.

La nuova API Play Integrity permetterà di determinare se si sta interagendo con il binario autentico della app installata da Google Play e in esecuzione su un dispositivo Android autentico che è alimentato dai servizi di Google Play.

Google ha rilasciato diversi aggiornamenti per aiutare gli sviluppatori a migliorare le prestazioni delle app Android.

Android

In primo luogo, con miglioramenti ad Android vitals. I dati più recenti sono ora più visibili per aiutare a vedere subito i problemi, e Google ha aggiunto trend, filtri e informazioni sulla versione dell’app per aiutare a identificare rapidamente l’origine del problema.

Recentemente Google ha lanciato un nuovo strumento in Play Console chiamato Reach and devices che serve a capire quali caratteristiche o correzioni aiuterebbero a raggiungere il maggior numero di utenti su Google Play.

Google sta poi apportando modifiche anche al modo in cui gli utenti valutano la qualità delle app. A partire da novembre, gli utenti inizieranno a vedere sui telefoni rating specifici per il loro Paese.

Poi, all’inizio del 2022, gli utenti vedranno valutazioni specifiche per il dispositivo, compresi fattori di forma come tablet, Chromebook e wearable. È possibile visualizzare in anteprima le valutazioni specifiche per il luogo e per il dispositivo in Play Console già ora.

Google ha invitato gli sviluppatori Android a controllarle, in modo da avere il tempo di apportare eventuali miglioramenti alla qualità delle app prima che le nuove valutazioni entrino in vigore nel Play Store.

Ancora: Google ha annunciato una nuova funzionalità nella Billing Library: la messaggistica in-app. La nuova API può rilevare se un utente ha un pagamento rifiutato, e mostrare un messaggio utile proprio all’interno dell’app, in modo che l’utente possa risolvere immediatamente il problema senza lasciare l’app per andare al Play Store.

Android sviluppatori

Jetpack Media3, di cui Google ha lanciato la prima alpha, è una raccolta di librerie di supporto per la riproduzione multimediale, tra cui ExoPlayer.

Ci sono già diverse media API: Jetpack Media, conosciuta anche come MediaCompat, Jetpack Media2 e ExoPlayer. Queste librerie sono state sviluppate con obiettivi diversi e hanno diverse aree di funzionalità che si sovrappongono.

Per esempio – ha sottolineato Google – ExoPlayer e Media2 contengono entrambe componenti UI, e MediaCompat e Media2 contengono classi per gestire le sessioni multimediali.

Può essere difficile decidere quale libreria usare per un dato caso d’uso, e gli oggetti di librerie diverse spesso non sono compatibili, richiedendo adattatori o codice di collegamento. Media3 rimuove queste sfide fornendo un singolo set di librerie che funzionano bene insieme.

Android

Material You, introdotto in Android 12 al Google I/O, fornisce esperienze che sono personali per ogni stile, accessibili per ogni esigenza e adattive per ogni schermo.

Ora Google sta rilasciando la prima alpha di Compose Material 3, che offre componenti e temi in stile Material Design 3, abilitando le caratteristiche di personalizzazione di Material You come il colore dinamico.

Sta anche rilasciando la prima versione beta di Jetpack Compose 1.1 con funzionalità come lo stretch overscroll per Android 12, il dimensionamento migliorato del touch-target, le animazioni sperimentali del layout e altro ancora.

Jetpack Compose è stabile e pronto per l’uso in produzione – ha sottolineato Google – e Big G sta continuando ad aggiungere funzioni per rendere veloce e facile la costruzione di Android UI su tutti i fattori di forma, con un nuovo supporto per Wear OS e per la creazione di widget per la home.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php