Con Ryzen AMD sfida Core i7

Offre di più e costa meno. È questo il semplice “claim” con il quale AMD sta preparando la sua grande controffensiva a Intel.
La società ha annunciato nella giornata di ieri che il giorno ufficiale del lancio dei suoi nuovi processori Ryzen è fissato per il prossimo 2 marzo, con avvio immediato dei preordini.
Tre processori, per cominciare, che dovrebbero superare in termini prestazionali i top di gamma di gamma Intel, con un risparmio del 54 per cento in termini di costi.

Analogamente a quanto ha fatto Intel con la linea Core i, anche AMD ha articolato la sua proposta in tre segmenti: il top di gamma Ryzen 7, l’intermedio Ryzen 5 e il più economico Ryzen 3.

Si parte con AMD Ryzen 7

Si parte però con i Ryzen 7, declinati in tre modelli: Ryzen 7 1800X ( proposto a 499 dollari), Ryzen 7 1700X (399 dollari) e Ryzen 7 1700 (329 dollari).
I rilasci nelle altre due famiglie sono attesi nel corso dell’anno.

Il modello 1800X è un processore a 8 core e 16 thread. Ha una velocità di 3.6 GHz e può spingersi fino a 4, con un consumo di 95 watt. Viene posizionato in diretta concorrenza con l’Intel Core i7-6900K, attualmente sul mercato con un costo superiore ai 1.000 dollari.
Con il modello 1700X siamo di nuovo nell’ambito degli 8 core e dei 16 thread, con una velocità di clock di 3,4 GHz e un consumo di 95 watt. Si posiziona in diretta concorrenza con il Core i7 6900K. Si indirizza al mercato dei gamer e dei creatori di contenuti.
Infine, il Ryzen 7 1700 ha un consumo di 65 watt e una velocità di 3 GHz e anche in questo caso si parla di 8 core e 16 thread. Si posiziona in diretta concorrenza con il Core i7 7700K. Integra, diversamente, dagli altri due processori della famiglia un dissipatore Wraith Spire.

9312_AMD Ryzen_4K

L'ecosistema si prepara

Nella progettazione dei nuovi processori, AMD ne ha completamente ridefinito il design, proprio con l’obiettivo di spingerne al massimo le performance.
Tutti e tre i processori sono utilizzabili sulle schede madri di ASRock, Asus, Biostar, Gigabyte e MS. Sono 82 in tutto, dichiara la società.
Quanto ai sistemi, si parla di 19 già disponibili al momento del lancio e di 200 nel primo trimestre.
Soprattutto si parla di una disponibilità in quantità sufficienti a soddisfare la domanda e questo la dice lunga sulla convinzione con la quale la società si sta muovendo in questa sfida.

La sensazione, leggendo i commenti di molti osservatori statunitensi, è che AMD abbia fatto bene il suo lavoro, visto che la domanda che in molti si pongono in queste ore è relativa alle contromosse di Intel.
Un taglio dei costi potrebbe essere la prima risposta, ma qualcuno già ipotizza il prossimo rilascio di processori con un numero superiore di core.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here