Al via il bando Apulian ICT Living Labs

La nuova iniziativa della Regione Puglia intende favorire la crescita e lo sviluppo di piccole e medie imprese specializzate nell’offerta di applicazioni di Information e Communication Technology, servizi e contenuti digitali.

Dal prossimo 15 ottobre fino al 28 marzo 2013 sarà
possibile presentare le domande di agevolazione all'Avviso per la seconda fase
del progetto Apulian ICT Living Labs, la nuova iniziativa della Regione Puglia
a supporto alla crescita e allo sviluppo delle Pmi specializzate nell'offerta
di servizi digitali.

L’approccio
Living Lab
è un nuovo paradigma nelle attività di ricerca e innovazione
in ambito industriale e non solo, che consente agli utilizzatori finali
, rappresentati
da un gruppo di potenziali utenti e/o consumatori o dagli stessi abitanti di
un’intera città, provincia o regione, di collaborare attivamente con i
progettisti nello sviluppo e nella sperimentazione dei nuovi prodotti o servizi
ad essi destinati
.

Attraverso
questo bando, la Regione Puglia intende favorire la crescita e lo sviluppo di
piccole e medie imprese pugliesi specializzate nell’offerta di applicazioni di
Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Tlc), servizi e contenuti
digitali
.

A tal fine è
stata avviata la prima fase di coinvolgimento dell’Utenza finale
(come gli enti locali,
le associazioni di categoria, il terzo settore) nella manifestazione di
specifici temi, esigenze e problematiche, all’interno di 8 domini tematici che
richiedano l’impiego di tecnologie Tlc per la loro gestione e/o risoluzione. In
parallelo, è stato istituito un “Catalogo Partner” che raccoglie e censisce le
rappresentanze degli Utenti finali e dei Laboratori di ricerca esistenti nella
regione
, in quanto disponibili a sperimentare l’approccio Living Lab nei
vari domini tematici di riferimento.

Ai fini del
Bando, è necessario il coinvolgimento, in qualità di fornitori di servizi
all’interno del progetto pilota, di almeno un soggetto localizzato o con sede
operativa in Puglia per ciascuna delle due categorie anzidette (Utenti finali e
Laboratori di ricerca), oltre ad almeno una Pmi sia in forma singola che
associata del comparto Tlc regionale in qualità di proponente della
sperimentazione e beneficiaria delle agevolazioni.

La Regione
Puglia incentiva la realizzazione di progetti pilota di sperimentazione di
soluzioni innovative nel campo delle tecnologie dell’informazione e della
comunicazione e dei servizi e contenuti digitali
, comprendenti le seguenti attività:

-analisi e comprensione dell’Utenza finale anche
attraverso specifiche fasi di co-progettazione;

-definizione del modello di interazione tra i diversi
attori coinvolti;

-prototipazione e personalizzazione delle soluzioni;

-test e sperimentazione di nuove tecnologie in
applicazioni reali rispondenti ai fabbisogni effettivi dell’Utenza finale;

-dimostrazione e presentazione in modalità demo lab
pubblico delle soluzioni prototipali sviluppate, anche
al fine di renderle fruibili da
parte di ulteriori comunità di utenti interessati;

-analisi per la valorizzazione economica dei risultati
ottenuti dalla sperimentazione
.

I progetti invece devono riguardare domini tecnologici riferibili ai seguenti settori:

-Inclusione Sociale e Invecchiamento attivo e in salute 
-Istruzione
ed Educazione VII
-Ambiente,
Sicurezza e Tutela Territoriale
-Beni Culturali e Turismo
-Energia
-Governo elettronico per la Pa
-Industria Creativa
-Trasporti e Mobilità.

Per i progetti
presentati da singole imprese, l’intensità di aiuto, erogato in forma di contributo
in conto impianti
, sarà pari a al 45% per le piccole imprese e al 35% per
le medie imprese.

Per i
progetti presentati da raggruppamenti costituiti da almeno tre imprese
tra di loro indipendenti, l’intensità
di aiuto è maggiorata del 15%
ed è pertanto pari al 60% per le piccole
imprese e al 50% per le medie imprese.

Per ulteriori informazioni consultare il portale
SistemaPuglia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here