Al debutto ufficiale Monsteritalia.it

In seguito all’acquisizione di Jobline da parte di Monster, entrambe attive nel recruting on line, parte anche nel nostro Paese la nuova società Monsteritalia.it, che integra le strutture preesistenti

Sembra che oltre il 70% degli italiani rientri dalle ferie con un forte senso di frustrazione legato al proprio lavoro e con la conseguente intenzione di cambiarlo al più presto. Intenzione che spesso resta tale e viene chiusa nel cassetto dei buoni propositi, ma che spesso si trasforma in reale volontà di cambiamento. E se prima la via principale per chi cerca e offre lavoro erano le inserzioni sui quotidiani (oltre all'italica "raccomandazione"), oggi nuove opportunità vengono offerte dal recruiting on line.


Opportunità rese ancora più concrete dalla recente acquisizione di Jobline da parte di Monster, che ha dato vita a un vero e proprio, è il caso di dirlo, mostro sacro della ricerca di lavoro su Internet, Monster.com. A livello mondiale la nuova società conta su una presenza capillare, in quanto la svedese Jobline International aveva un sito localizzato in cinque Paesi del Vecchio Continente e Monster ne contava altri 16 sparsi tra Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia, Canada, Asia. L'attuale Monster, divisione Interactive di Tmp Worldwide, conta quindi su circa 25 milioni di visitatori unici al mese e oltre 17 milioni di utenti registrati.
Nel nostro Paese, dove Jobline.it era presente da un paio d'anni e Monster era appena arrivata, è nata Monsteritalia.it, realtà con oltre 1.800 aziende clienti e 210.000 candidati registrati. L'obiettivo è puntare a un ulteriore rafforzamento in Italia, dove è partita una massiccia campagna pubblicitaria sulle principali tv nazionali, per diventare il punto di riferimento per quanti cercano lavoro o vogliono cambiarlo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here