Home Cloud Adobe Creative Cloud, i nuovi strumenti per la collaborazione in team

Adobe Creative Cloud, i nuovi strumenti per la collaborazione in team

Gli amministratori di Adobe Creative Cloud for teams possono gestire le licenze e semplificare il processo di fatturazione e budgeting da un’unica posizione, in base alle esigenze specifiche di ciascuna impresa.

Ora Adobe ha aggiornato la piattaforma di storage per i clienti aziendali, per offrire un controllo e una comprensione migliori degli account Creative Cloud che vengono gestiti.

Inoltre, Adobe sta anche introducendo le team libraries per aiutare le aziende a preservare la coerenza del brand e rendere la collaborazione più semplice ed efficace.

Creative Cloud Libraries è uno strumento prezioso per accelerare i flussi di lavoro creativi e garantire la coerenza del brand.

La nuova funzione aggiunta da Adobe permette ora alle aziende di creare team libraries.

Queste sono legate all’account dell’organizzazione e memorizzate nello spazio condiviso del team. Gli utenti hanno la possibilità di rendere la libreria immediatamente disponibile all’intero team con accesso in sola lettura (per una libreria di style guide, per esempio) e concedere l’accesso di modifica a individui specifici nel team.

Adobe Creative Cloud

Questa funzione rende più facile garantire che tutti nell’organizzazione abbiano un facile accesso alle risorse più aggiornate in ogni momento. E poiché la libreria appartiene al team, non dipende dal creatore.

Inoltre, i membri del team possono sfogliare un elenco di librerie del team create dagli altri membri, eliminando la necessità di un processo di condivisione manuale.

Per gli amministratori, Adobe ha poi reso più semplice il trasferimento dei file di un utente dallo storage Creative Cloud a un altro account quando la composizione del team cambia o un utente viene rimosso.

Creative Cloud for teams fa uso dello storage aziendale, il che significa che l’organizzazione è proprietaria degli account utente e dei contenuti associati.

Quando un utente lascia l’organizzazione (o si elimina l’account per qualche motivo), gli amministratori possono recuperare semplicemente le risorse dalle cartelle e trasferirle a un altro utente tramite una funzionalità aggiornata in Adobe Admin Console.

Questa funzionalità dà alle aziende la tranquillità di poter gestire meglio la transizione quando il team cambia. Gli asset, comprese le librerie Creative Cloud, rimangono sempre all’interno dell’organizzazione, anche quando le persone e i progetti cambiano.

Adobe Creative Cloud

Con gli ultimi aggiornamenti a Adobe Creative Cloud storage, gli amministratori hanno piena visibilità dello storage nelle applicazioni Creative Cloud della loro azienda.

Le quote di archiviazione sono flessibili per gli utenti finali fino alla quantità di storage acquistata dall’organizzazione.

Nella console di amministrazione viene visualizzata una nuova scheda relativa allo storage, che consente agli amministratori di visualizzare la quota utilizzata dai singoli utenti e quella complessiva consumata dall’intero team.

Tutti i contenuti salvati su Creative Cloud vengono archiviati in un repository di proprietà dell’organizzazione.

La combinazione di 1 TB di spazio di archiviazione cloud per utente, più lo spazio di archiviazione condiviso, renderà più facile la collaborazione in team sui lavori in corso (per la review, il co-editing e così via).

Questo è ancora più utile quando il team è in viaggio o lavora in remoto, grazie alla migliore flessibilità nel lavorare sui progetti su dispositivi diversi con i documenti cloud.

Creative Cloud for teams – ha messo in evidenza Adobe – include più di venti app desktop e mobili per il design, la fotografia, i video, il web, l’UX, i contenuti per i social media e altro ancora.

Le aziende possono acquistare tutte le app di Creative Cloud, singole app o una combinazione di esse, e combinarle in base alle loro esigenze specifiche.

L’amministratore può acquistare più prodotti e licenze in qualsiasi momento, rimuovere prodotti e licenze al rinnovo o riassegnare le licenze a nuovi membri del team.

Oltre alle applicazioni, l’iscrizione a Creative Cloud for teams include anche l’accesso illimitato a Stock e Marketplace.

Questo dà accesso a Adobe Stock, che include una collezione gratuita e più opzioni di piani a pagamento tra cui scegliere per la propria azienda, insieme a Adobe Fonts, che sono concessi in licenza e autorizzati per uso personale e commerciale, senza costi aggiuntivi.

L’aggiornamento a Creative Cloud storage, oltre a questo, aiuta le aziende a ottenere ancora più valore da Creative Cloud for teams.

La piattaforma è ora più flessibile e sicura – sottolinea Adobe –, protegge gli asset creativi e le librerie mantenendole all’interno dell’azienda e garantisce una collaborazione più efficiente tra i dipendenti, permettendo di condividere le risorse in tutta l’organizzazione e di controllare l’accesso all’editing per mantenere il branding coerente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php