A chi serve Virtualizzare le applicazioni

Consentire in azienda l’accesso in modalità remota ad applicazioni che vengono eseguite centralmente è un’altra forma di virtualizzazione. E in questo campo ci sono diversi aspetti importanti da valutare. Ad esempio, spiega Aldo Rimondo, country manage …

Consentire in azienda l'accesso in modalità remota ad applicazioni che vengono eseguite centralmente è un'altra forma di virtualizzazione. E in questo campo ci sono diversi aspetti importanti da valutare. Ad esempio, spiega Aldo Rimondo, country manager di Citrix Italia, le applicazioni e la loro interfaccia utente non devono essere modificate. Inoltre, quando si opera con reti a elevata latenza o con notevoli limiti di banda, i problemi di accesso divengono ancora più evidenti: quindi queste tecniche di virtualizzazione devono migliorare la velocità di risposta delle applicazioni e la produttività degli utenti, riducendo i requisiti in termini di banda e i tempi di attesa. «Grazie alle applicazioni virtualizzate - precisa Rimondo - attraverso la rete vengono trasmessi solo i movimenti del mouse, i dati relativi all'uso della tastiera e gli aggiornamenti dello schermo».

I vantaggi poi sono su due fronti e si realizzano sia per chi deve accedere alle applicazioni, sia per chi le deve gestire. «Questa tipologia di virtualizzazione - prosegue il manager - fornisce maggiore flessibilità agli utenti, che possono accedere a tutte le applicazioni aziendali dalle diverse tipologie di terminali disponibili, e ciò risponde al problema della cosiddetta “workforce continuity”, quindi della produttività. Su fronte dell'amministrazione, si calcola che oltre il 70% del budget It venga dedicato alla gestione dell'esistente. La virtualizzazione consente di ridurre considerevolmente i costi, attraverso un'amministrazione centralizzata dell'infrastruttura. Basti pensare agli aspetti di aggiornamento del parco installato».

L'esigenza di virtualizzare le applicazioni è più sentita soprattutto dalle organizzazioni con filiali sparse sul territorio, che utilizzano il Web come elemento chiave nel loro business e che hanno forza lavoro mobile sul territorio. «I settori più attivi sono quello finanziario e assicurativo, interessato da acquisizioni e fusioni; o quello manifatturiero dove molte attività vengono svolte in outsourcing o in offshoring. Molto attivo anche il settore della Pa, che deve consentire un accesso sempre più diffuso ai servizi da parte dei cittadini, contenendo tuttavia le voci di spesa».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here