2016: lunga vita al Wi-Fi

Secondo gli esperti di Ruckus Wireless, fornitore di sistemi wireless avanzati per il mercato delle reti mobile, nessuna tecnologia appare più adatta del Wi-Fi ad approcciare un’epoca dominata dal mobile first all’interno di un mondo basato sui Big data.

Da qui l’evidenza secondo cui, il 2016, sarà caratterizzato da un aumento esponenziale di utenti con tecnologia MU-MIMO abilitata, che porterà conseguenti benefici in termini di capacità in ambienti ad alta densità client, grazie alla possibilità di sfruttare la disponibilità di più terminali radio indipendenti al fine di migliorare le capacità di comunicazione di ogni singolo terminale.

Inoltre, sempre secondo gli esperti di Ruckus, i nuovi modelli di business si evolveranno in modo da riuscire a monetizzare anche il Wi-Fi free, mentre aziende specializzate in contenuti Web-scale, quali social media, istituti di ricerca e realtà focalizzate su servizi di hosting, lanceranno nei mercati in via di sviluppo progetti molto estesi basati su un Wi-Fi con pubblico accesso.

Esperienza wireless: quali le evoluzioni
Nei prossimi 24-36 mesi l’esperienza degli utenti finali relativa all’accesso hotspot Wi-Fi e alle reti aziendali BYOD abilitate sarà più semplice e sicura grazie all'utilizzo di hotspot 2.0 e a soluzioni di onboarding del device basate su certificazioni.
La copertura Wi-Fi nelle abitazioni domestiche sarà finalmente realtà e Hotspot 2.0, il cui supporto è attualmente presente in tutti i principali sistemi operativi sia per smarphone che per laptop, diventerà lo standard Wi-Fi de facto per l’accesso pubblico e il segmento hospitality grazie a implementazioni accelerate dai service provider e dalle catene alberghiere e alle chiamate Wi-Fi Carrier, vero e proprio driver fondamentale per questo processo.

2016-2019: le innovazioni tecnologiche attese
Nei prossimi dodici mesi, sempre secondo gli esperti di Ruckus, una delle principali innovazioni attese riguarda la tecnologia Wi-Fi unita alla cross-pollination cellulare e la convergenza 802.11ax, LAA, LWA, mentre l’uso mainstream di analytic guiderà l’esperienza degli utenti, l’ottimizzazione dei processi di business e la loro monetizzazione.
In questo scenario, da qui ai prossimi tre anni, assisteremo a interconnessioni cloud e service chaining di servizi di rete in grado di unire tecnologie all’avanguardia e a piattaforme IoT sicure, gestibili e scalabili capaci di sfruttare molteplici tipi di sensori e protocolli wireless per fornire Business intelligence a imprese e a intere città.

I service provider saranno, inoltre, in grado di scalare in modo più efficiente e presentare nuovi servizi con tempistiche sempre più ridotte grazie a una continua virtualizzazione dei servizi di rete, mentre molte delle tradizionali distinzioni nel settore wireless cadranno grazie ai progressi legati alla tecnologia e alle nuove normative che si rifletteranno positivamente su soluzioni LTE con licenza e senza licenza, 802.11ax, enterprise IMS e WebRTC, CBRS e Hotspot 2.0, con una relativa convergenza tra service provider e imprese e settore pubblico contro quello privato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here