+13% l’Italia dei pc

I dati di Context confermano Acer e Hp in testa. Terzo posto per Toshiba e quarto per Fsc. Un solo italiano tra i primi10. In calo per di più.

Secondo i dati pubblicati da Context alla fine della scorsa settimana, nei
primi tre mesi di questo 2006 le vendite di pc sul mercato italiano hanno fatto
registrare una crescita del 13% a 1.153.483 unità.

Una crescita che, stando agli stessi dati, sembra essere andata in buona misura ad appannaggio dei primi 5 fornitori che, con 771.301 unità consegnate di fatto oggi rappresentano il 67% del mercato complessivo.

La classifica dei fornitori vede di nuovo al primo posto Acer, con 273.193 unità, in crescita del 23,5% e con una share del 24%.

Hp la segue, ma non più così di misura come qualche trimestre fa. Si parla di 258.672 unità, in crescita del 23% e pari a una share del 22%.

Interessante il balzo di Toshiba, che si colloca al terzo posto con 88.881 unità, pari a una crescita del 28,9% e a una share dell'8%.
Settemila unità in meno per Fujitsu, al quarto posto con una share del 7% e una crescita del 19,4, mentre Dell al quinto posto si ferma sotto le 70.000 unità, in crescita comunque del 18,4%.

Una sola italiana nella top ten: Olidata, con una stima di 64.000 pezzi, in calo del 14,3% rispetto al pari periodo del precedente esercizio.
Gli altri posti in classifica sono infatti occupati nell'ordine da Asus, Nec, Lenovo, Apple e Sony, che, con 22.278 unità si aggiudica il 2% di share, con una crescita del 78,3%.

Per quanto riguarda invece la ripartizione per tipologie di prodotto, ai notebook spetta praticamente la metà esatta della “torta”: si parla infatti di oltre 584.000 unità vendute nelle diverse tipologie.
Si tratta in ogni caso di una merceologia che nel suo complesso cresce esattamente in linea con il mercato. Tengono bene anche i desktop per il mercato consumer, che mettono a segno un +14,5%, mentre si nota un picco di vendite per i notebook destinati al mondo professionale: +16,9%.
Declino senza appello per i
tablet: -39,9% a 1994 unità.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here