Una comunità virtuale guida la delivery dei WebServices di Ibm

Largo spazio al supporto on line, coinvolgimento di sviluppatori e Isv per vincere i duelli dell’integrazione Web nelle imprese

Il nome, in questo caso, è davvero un programma. Parliamo di WebServices
on WebSphere che delinea la nuova strategia di canale di Ibm nei confronti dei
partner che abiliteranno i Web services partendo dalla piattaforma software
WebSphere. In questo modo Big Blue si prepara ad affrontare la pesante sfida,
che si sta aprendo su più fronti, nel campo dei Webservices. Per farlo l'ottica
è di limitare al massimo l'intervento umano aumentando il supporto on line sia a
livello di training, tramite un e-lab , sia di specifiche consulenze che
ampliano la delivery e il parco clienti. I settori chiave su cui si sta
concentrando l'attenzione sono: telecomunicazioni, sanità e finance. La nuova
iniziativa prenderà il via nel secondo trimestre di quest'anno e si basa sulla
creazione e sul completo autosostegno di una comunità virtuale che dovrebbe
permettere di sviluppare la strategia di business più confacente alle richieste
del mercato, naturalmente partendo dalla tecnologia J2ee.

La comunità virtuale sarà guidata
da un consiglio generale che include nomi di società già impegnate nello
sviluppo di Webservices che dovrebbe identificare programmi e prodotti. Del
consiglio, al momento, fanno parte Bowstreet, Cacheon, CommerceQuest,
digitalEsp, Dwl, Edgility, Entrust, Epicentric, Grand Central, Macromedia,
Mercury, Neuvis, Perficient, Primordial, Prolifics, Rational, Siebel, Talking
Blocks, Versata e Wily. L'iniziativa dovrebbe coinvolgere, entro la fine
dell'anno, più di 150 partner di canale. L'obbiettivo è, comunque, di creare una
comunità vasta, in grado di promuovere e rendere disponibili i Webservices in
modo completo, agevolando l'integrazione di applicativi di Crm, Scm e di
e-commerce al miglior costo possibile e con la massima efficienza. Tre sono gli
indirizzi Internet di riferimento, il primo per rendere disponibili informazioni
e risorse (ibm.com/websphere/wow); il secondo per gli sviluppatori che mette a
disposizione un kit di strumenti per i Web services e altri vari servizi di
carattere propedeutico (ibm.com/developerWorks) e infine quello che Ibm ha
dedicato alle emergenze tecnologiche per un supporto più tecnico
(alphaWorks.ibm.com).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here