Una boccata d’ossigeno per Novell

Dopo due trimestri consecutivi in rosso, la casa dello Utah ha chiuso l’ultimo quarter del proprio esercizio fiscale con un utile di 7 milioni didollari. Rimane pesante il bilancio dell’annata, con una perdita complessiva di 78 milioni di dollari e un calo

In chiusura d'esercizio, arrivano segni di ripresa per Novell. L'azienda
di Provo (Utah), infatti, ha finalmente ritrovato la via degli utili, dopo
due trimestri consecutivi chiusi in passivo. Il dato in sé non ha nulla di
eclatante, visto che si parla di un attivo di 7 milioni di dollari su un
fatturato di 269 milioni. Ma il segnale appare un lumicino in fondo al
tunnel di un 1997 alquanto pesante, almeno nella sua prima parte.
Gli effetti delle difficoltà sono ancora tutti presenti. L'esercizio,
infatti, si è chiuso con una perdita di 78 milioni di dollari, mentre un
anno fa si registrò un utile di 126 milioni. Anche il fatturato è in
regresso dagli 1,4 miliardi di dollari del 1996 all'attuale miliardo. Duro
è anche il confronto sul trimestre, visto che un anno fa il fatturato fu
più alto di oltre 100 milioni di dollari (384, per l'esattezza) e che si
registrò un profitto di 59 milioni.
Va detto che nel computo complessivo rientrano spese di ristrutturazione
per 55 milioni di dollari. Esse comprendono i tagli del 18% nell'organico,
deciso nel corso del penultimo trimestre fiscale. Proprio questo taglio di
costi viene indicato come uno dei fattori che hanno contribuito al ritorno
all'utile. Il chairman e Ceo di Novell, Eric Schmidt, ha aggiunto di aver
riscontrato una crescita della domanda sul canale (Oem e Var). Questo
renderebbe conto della decisione di focalizzarsi sugli standard Internet e
sugli Nds anche per il mondo Windows Nt, oltre a preparare il terreno per
Moab, la prossima versione di NetWare basata sul protocollo Ip.
Nel corso dell'anno, l'azienda ha dovuto affrontare una flessione nelle
vendite di sistemi operativi, ma ha registrato un record di 99 milioni di
dollari per le licenze di programmi nell'ultimo trimestre.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here