Sony e Fujitsu sono i primi a usare i chip Crusoe 5500 e 5800

Le due aziende hanno messo in commercio tre notebook equipaggiati con i tanto attesi processori di Transmeta, la quale però ha perso per strada partner importanti, tra cui Toshiba

I reiterati rinvii facevamo quasi presumere che nessun costruttore di
notebook avrebbe mai adottato i processori Crusoe 5500 e 5800, che Transmeta
aveva presentato lo scorso giugno. Invece arriva la notizia che Fujitsu e Sony
hanno messo in commercio dei portatili che basano il funzionamento proprio su
tali chip. Si tratta dei modelli PictureBook Pcg-C1mv di Sony e LifeBook P-2040
e P-1000 di Fujitsu.
Il primo include un processore Tm5900 a 733 MHz,
dispone di uno schermo da 8,9 pollici e pesa poco più di 1 Kg. Può essere
acquistato sul sito Sony a un prezzo di 1.899 dollari.


Il P1000 e il P-2040 di Fujitsu dispongono, rispettivamente, di un TM5500 a
700 MHz e di un TM5800 a 800 MHz. Come il portatile Sony, anche il P-1000 pesa
circa 1 Kg e utilizza uno schermo da 8,9 pollici. Il prezzo parte da 1.499
dollari. Dal canto suo, il P-2040 integra un'interfaccia 802.11b per i
collegamenti wireless e offre un display da 10,6 pollici. Anche per questo
notebook il prezzo parte da 1.499 dollari.


Finalmente si parla di annunci importanti per i Crusoe di Transmeta.
Tuttavia, gli analisti ritengono che la società abbia perso irrimediabilmente
terreno a causa dei predetti ritardi nel rilascio dei chip. Fatto questo che ha
portato alla perdita di clienti importanti, come Toshiba, che difficilmente
riabbracceranno la causa Transmeta.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here